La vittoria del bel calcio

Sousa Milan 4

Un tiro, un gol. Sembrava di assistere alla solita partita dell’Inter, la squadra che ha vinto la maggior parte di gare per 1-0. Dopo il gol di Brozovic, i nerazzurri si sono abbassati tutti dietro la linea del pallone, pronti a fare il classico catenaccio per portare a casa i tre punti. E se magari la Fiorentina avesse sfondato la retroguardia, a salvare baracca e burattini ci avrebbe pensato Handanovic. E per l’intero primo tempo la trama della partita è stata quella immaginata da tutti e che i tifosi viola volevano evitare: occasioni viola a ripetizione vanificate dal portiere sloveno e da miracolosi salvataggi sulla linea e nerazzurri in vantaggio con l’unica occasione del primo tempo (e di tutta la partita). Ma nel secondo tempo gli dei del calcio hanno deciso di passare dalla sponda nerazzurra a quella viola, com’era giusto che fosse. Il bel calcio viola ha prevalso sui lanci lunghi di Miranda e Murillo e così al 60′ la Fiorentina ha pareggiato con Borja Valero. Gli uomini di Sousa hanno continuato a premere sull’acceleratore e a macinare gioco e alla fine gli sforzi si sono concretizzati con il gol di Babacar. Una rete brutta, con il petto, che fa da contraltare all’altrettanto brutta prestazione dell’Inter. Questa volta gli dei del calcio si sono schierati dalla parte giusta, quella del bel gioco e del bel calcio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. terzi quarti o quinti non farà differenza, la vera vittoria sarà tenerci Sousa che chiede e ottiene giocatori del livello che serve per vincere. Speriamoci, non costa niente.

  2. NON IMPORTA SE GIOCHIAMO BENE O MALE..L’IMPORTANTE E’ VINCERE!!!!!

  3. Solo i primi 20 minuti sono stati giocati da Fiorentina

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*