L’addio più amaro

image

Mario Gomez saluta Firenze comodamente seduto in panchina, la sua avventura in Fiorentina sembra giunta al capolinea ed è un finale amaro visto com’era arrivato il tedesco. Se ne va così, senza aver inciso granché sulle sorti di una Fiorentina che lo aveva acquistato per fare il salto di qualità e per poter finalmente arrivare a lottare con le prime della classe. Così non è stato, Mario Gomez lascia Firenze con la consapevolezza che qui è stato tutto sbagliato, lui non era l’attaccante giusto e la Fiorentina viceversa non era la squadra giusta. Gomez è arrivato al capolinea, la sua avventura sta per tramontare e se ne va comunque con la consapevolezza che in rosa nessuno ha fatto più gol di lui in questa stagione e solo Ilicic ha saputo realizzarne tanti quanto lui. Magra consolazione però per uno che doveva trascinare una città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA