Lasciamo libero Borja

Qualunque sia il tema tattico, è inevitabile: le trame offensive della Fiorentina passano sempre dai piedi di quel ragazzo pressoché calvo col numero 20. Fra le tante qualità di Borja Valero una di quelle che spicca maggiormente è la capacità di sapersi muovere senza il pallone, dal centrocampo all’area di rigore avversaria. Agendo fra le linee e calamitando un’infinità di palloni lo spagnolo detta i ritmi e calibra la giocata, spostando la palla da destra a sinistra; non sarà rapidissimo ed in grado di garantire un “break” a metà campo, a volte rallenta l’azione, ma ha sapienza tattica da vendere. Lo scorso inizio di stagione ha esaltato più che mai le doti di Borja; la perfetta sinergia tra Badelj e Vecino ha permesso all’ex-Villarreal di agire indisturbato, libero di svariare e fornire imprevedibilità e rifornimenti a Ilicic e Kalinic. La possibilità di essere svincolato da eccessivi compiti di copertura può garantire lucidità a Borja Valero e permettergli anche di crescere di intensità a gara in corso. La Fiorentina ha bisogno del suo fosforo sulla trequarti, l’arrivo di Sanchez e Cristoforo in mezzo al campo a dare manforte a Badelj e Vecino è sicuramente un elemento importante, i due centrocampisti sono alternative che permettono di evitare l’arretramento di Valero sulla linea mediana, dove non rende come qualche metro più avanti. La squadra viola, con lo spagnolo libero di mente e con licenza di svariare, guadagna tantissimo sulla qualità del gioco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20 commenti

  1. Borja è un giocatore “moderno”, uno di quelli impostosi grazie al “Guardiolismo”.
    Fateci caso, ci sono dei cicli. Quando eravamo noi (come italia) a rappresentare il punto di riferimento nel calcio, ci fu prima il “sacchismo” (borda tutti a giocare a zona e morte del libero e del 10), poi, in misura minore lo “scalismo” (e tutti a giocare con i terzini fluidificanti e il centrale di difesa a fare il regista).
    Voglio dire, si va un po a mode. Ma se vuoi fare possesso palla, uno come Borja è imprescindibile. Poi il tiki taka, può piacere o nn piacere, ma negare che Borja sia forse unico in Italia in quel ruolo è ardua

  2. Borja Valero stagione 2015-2016 : scheda del giocatore ( da http://www.goal.com/it/people/spain/14580/borja-valero )
    – 4 goal ( 3° marcatore della Fiorentina) ;
    – Controllo di palla/ dribbling : voto 6,5
    – Velocità : 6.5
    – Visione di gioco : 7.5
    – Creatività : 7
    – Tiro : 6.5
    – Contrasti : 6
    Mi sembra che gli esperti siano abbastanza in disaccordo con i detrattori di Borja e gli stessi allenatori, Montella e Sousa, lo vogliono sempre in campo. Senza contare Spalletti che l’avrebbe voluto alla Roma che, si dice, avesse fatto un’ottima offerta.
    Per chi dice che i contropiedi con Borja non sono possibili, ricorderei quel famoso tocco di esterno collo destro per Cuadrado per il $-2 sulla juve. E questo è solo l’esempio più eclatante che rimene in mente a tutti, spero.
    Sicuramente ha anche qualche difetto, ne ha anche CR7, ma i pregi sono di gran lunga superiori ai difetti , soprattutto per una squadra come la Fiorentina.

  3. supercannabilover

    Giusto Gianluca73

  4. Borya unne’bbono!

  5. Consiglio a molti che scrivono su fiorentinanews di cimentarsi a scrivere dei libri visto che i commenti agli articoli stanno diventando dei poemi che ormai in molti nemmeno leggiamo a meno che chi li legge non sa che fare durante la giornata e la passa su internet

  6. Cisko73 lascia perdere…ormai abbiamo appurato che “non sai nulla di calcio”

  7. Anzi diro’ di piu’ secondo me ..anche se comunque la fiorentina giocasse con il 4.3.3 lo stesso Borya ne gioverebbe tantissimo perche’ sarebbe piu’ libero di svariare a piacimento su entrambe le fasce mentre CON IL 3-5 -2 non pOTEVA farlo perche ci trovaVA sempre Bernardeschi e ALONSO E anche ILICIC TORNAVA A PRENDERE I PALLONI NELLA SUA ZONA DI COMPETENZA …

  8. Anch’io mi sto chiedendo se non sia meglio per dare piu’ pericolosita’ e imprevedibilitaalla squadra non sia meglio per noi giocare con solo due incontristi e con un trequartista vero da ultimi 30 metri come possono essere Ilicic e Bernardeschi.. Detto questo mi dissocio dalla scempiaggini che dice Cisko su Borya che ritengo essere il terzo di centrocampo piu’ forte che giochi in Italia in un 4-3-3 dove pero le tre punte garantiscano una quarantina di gol ..Per esempio per il Napoli o la Roma sarebbe una manna dal cielo–Le nostre tre punte ne garantirebbero una meta ..Tello e Berna sono giocatori da massimo sette -otto gol a stagione..Cisko meno bag….

  9. Cisko, adesso non fare il ”sapone” altrimenti diventi uggioso, ma io parlo un po piu’ genericamente e vorrei metterci anche l’aria che si respira in questi siti viola….c’e’ una parte di tifosi che osannano Antognoni, ricordano Rui Costa……a prescindere, ma come si fa a passare sopra a tutti a questi personaggi e allo stesso tempo a cercare il piccolo neo che talvolta puo’ esserci in un giocatore e uomo come Valero…..e’ vergogna e maleducazione

  10. Mi dispiace che ti fai ammaliare da qualche giochino tecnico.
    Cose utili per quelli come te che a calcio non hanno mai giocato.
    Nell’economia del gioco di squadra sono proprio quei colpetti di Borja a non essere utili e spesso penalizzanti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*