Questo sito contribuisce alla audience di

La Fiorentina regala un’ora di gioco. Poi Sousa azzecca i cambi e la riapre ma non basta

Per dimenticare il brutto k.o. di Genova e le scelte strane di Paulo Sousa, la Fiorentina torna in campo all’Olimpico per affrontare una Lazio lanciatissima: la squadra di Simone Inzaghi insegue addirittura la zona Champions mentre quella viola cerca di tornare a far punti, prima della sfida tostissima di giovedì con il Napoli. La Fiorentina è costretta a cercare qualche punto per non far scappare le dirette concorrenti in classifica. Fischio d’inizio alle 20,45, arbitra Irrati. Fiorentinanews.com vi offrirà la consueta diretta testuale dell’incontro, con lo spazio alle pagelle ed ai commenti dei protagonisti a fine gara. Premere F5 per aggiornare la pagina.

Fiorentina: Tatarusanu, Tomovic (Cristoforo), De Maio, Astori, Olivera, Sanchez, Vecino, Tello (Chiesa), Ilicic (Zarate), Bernardeschi, Kalinic.

94′: Finisce qui. La Fiorentina regala un tempo e tre punti alla Lazio che ringrazia.

90′: 4 minuti di recupero.

89′: Gol della Lazio con Radu che completa il contropiede. Ma tutto nasce da un fallo NETTO su Kalinic al limite dell’area che l’arbitro non ha voluto vedere.

85′: Fiorentina che tardivamente cerca di tirare fuori l’orgoglio. Secondo tempo nettamente migliore del primo anche grazie ai cambi di Sousa.

84′: Ultimo cambio nella Lazio, fuori Cataldi e dentro Murgia.

82′: Annullato il gol del pareggio della Fiorentina. E Ammonito Sanchez che pare averla toccata con la mano.

82′: Ci prova Chiesa, angolo.

80′: Ultimo cambio per Sousa, dentro Chiesa e fuori Tello.

79′: Fiorentina che sembra aver perso un po’ del suo impeto. Certo che la partita in più rispetto alla Lazio si fa sentire.

78′: Tatarusanu salva su Kishna.

77′: Ammonito anche Astori che stoppa Immobile sulla trequarti. Cambio nella Lazio, fuori Lulic e dentro Wallace.

75′: Ammonito Bernardeschi per fallo, dubbio, su Radu che si butta sempre appena può.

74′: Fiorentina che ora sta pressando la Lazio. Biancocelesti che sembrano stanchi.

71′: Ancora Bernardeschi da fuori area! Marchetti in angolo. Berna sulla trequarti sta diventando un’arma.

70′: Da fuori area tira Bernardeschi, palla di poco fuori.

69′: De Maio sbaglia l’appoggio in uscita, Milinkovic dal limite dell’area cerca l’assist in mezzo per Immobile, esce Tatarusanu.

68′: Cambio nella Lazio, fuori Keita e dentro Kishna.

66′: Vecino scende centralmente a da fuori area prova il tiro, Marchetti para in due tempi.

64′: GOOOOL!!!!! ZARATE!!Assolo di Tello che entra in area e serve con un rimpallo Zarate che a porta vuota insacca.

63′: Per ora l’ingresso di Zarate non ha aiutato la Fiorentina a trovare profondità ma sicuramente si muove più di Ilicic.

59′: Nella Fiorentina entra Zarate al posto di un deludente Ilicic.

58′: Ammonito Bastos nella Lazio.

57′: Contropiede Lazio con Keita che serve Immobile al limite dell’area ma sbaglia. Sbroglia De Maio.

54′: Dopo una decina di colpi di testa in area di rigore viola Cataldi prova la sforbiciata. Palla alta.

53′: Dopo il rigore sbagliato si è tornati al trend del primo tempo. Lazio costantemente nella metà campo della Fiorentina.

51′: Bernardeschi appoggia troppo lungo per Olivera che crossando la passa a Marchetti.

49′: Ammonito Maxi Olivera che stoppa Felipe Anderson.

48′: Corona così Ilicic una prestazione sino ad ora indecente.

48′: Parato da Marchetti che si distende alla sua sinistra.

47′: Rigore per la Fiorentina. Biglia atterra Cristoforo in area.

45′: Inizia il secondo tempo con la Fiorentina in possesso palla.

45′: E’ Cristoforo a prendere il posto di Tomovic. Da capire ora come andrà a risistemarsi la Fiorentina. Forse sarà Sanchez a scendere in difesa.

45′: Tomovic non sarà in campo nel secondo tempo per la botta ricevuta da Immobile nel finale di primo tempo e prima di commettere il fallo da rigore.

45+3: Finisce qui il primo tempo.

45+3: Biglia trasforma. Lazio 2 Fiorentina 0.

45+2: Atterrato Milinkovic in area da Tomovic. Calcio di rigore. Azione favorita da un erroraccio in disimpegno della Fiorentina stessa.

45’+1: Ristabilita almeno la parità in campo.

45′: 3 minuti di recupero.

45′: Fiorentina in 10 con Tomovic che non prova comunque a rientrare.

43′: Problemi per Tomovic che ha preso una scarpata in viso da Immobile e lascia il campo in barella.

41′: Ancora cross di Olivera, testa di Bernardeschi e Marchetti para a terra.

40′: Cross di Olivera, rimpallato da Bastos e Ilicic cerca un inconcepibile tacco per nessuno.

37′: La Lazio fa girare il pallone e poi cerca l’imbeccata spesso per Keita. Ricordiamo, e non è da sottovalutare, che la Fiorentina ha giocato 3 partite in 8 giorni mentre la Lazio una sola.

35′: Fiorentina che almeno sta prendendo campo. Dalla sinistra arriva un altro cross di Olivera, Bastos la alza e Marchetti para in presa alta.

34′: Cross di Olivera, Tello raccoglie sul secondo palo e serve Ilicic che al limite dell’area ci mette un quarto d’ora per sistemare il pallone e gli viene soffiato con molta facilità.

32′: Bel cross di Olivera, Kalinic ceca l’anticipo su De Vraij che svirgola ma il rimbalza sul croato e si spegne sul fondo.

28′: Problemi grossi nella Fiorentina nel fare due passaggi in fila. La Lazio controlla e rimane stabile nella metà campo viola. Purtroppo la Fiorentina deve fare i conti con le tante assenze e anche alla serata sin qui opaca dei suoi avanti.

26′: Ammonito Tomovic per fallo su Keita. Il capitano della Fiorentina proprio non riesce a star dietro all’esterno della Lazio che come sempre quando vede i viola si accende.

24′: Ora la Fiorentina dovrà cambiare il suo gioco, che sino ad ora era principalmente far di tutto per non prendere gol. I viola sono durati 23 minuti…

23′: Lazio in vantaggio. Milinkovic serve Keita in area che non perdona. Alla Fiorentina segna sempre lui…purtroppo

22′: Punizione di Cataldi sul secondo palo, Milinkovic la rimette in mezzo, dopo una mischia arriva Immobile che dal dischetto del rigore spara, palla per fortuna in curva…

20′: La Fiorentina non passa la metà campo… Davanti ci sono poche soluzioni e complice anche il poco movimento, la palla anche quando è tra i piedi viola, non passa la metà campo.

18′: Stasera c’è da soffrire. La Lazio preme sulla Fiorentina, i viola provano l’unica arma a disposizione, il contropiede ma non è assolutamente facile trovare la giocata giusta.

16′: Bernardeschi si fa togliere il pallone sulla trequarti della Lazio, Biglia lancia Keita che in area prova il mancino ribattuto da Tomovic e poi ancora su Keita, quindi rimessa dal fondo per Tatarusanu.

15′: Prima Tello sbaglia un facile passaggio per Bernardeschi in area, poi però si fa perdonare riconquistando il pallone con caparbietà. Il cross di Tomovic, infine, non trova Kalinic.

13′: Primo tiro per la Fiorentina, Sanchez imbecca Bernardeschi che dai 30 metri prova il mancino. Para centrale Marchetti ma è il primo squillo per i viola.

10′: Difficoltà nella Fiorentina a trovare idee e geometrie ma c’era da aspettarselo visto che mancano i tre registi della Fiorentina.

9′: Angolo di Cataldi, testa di Bastos e Tatarusanu compie un paratone che salva il risultato.

8′: Felipe Anderson scende sulla sinistra della Fiorentina con Anderson che crossa in mezzo, Astori mette in angolo. A centrocampo duro scontro tra Bernardeschi e Milinkovic.

7′: Sanchez lancia lungo per Kalinic che sarebbe stato in campo aperto, ma parte da fuorigioco quindi punizione Lazio.

5′: Cross di Biglia per Immobile, De Maio cicca l’intervento ma l’attaccante della Lazio la tocca con la mano e Irrati fischia il fallo per i viola.

4′: Lazio che chiude la Fiorentina nella propria metà campo ma non trova profondità. Fiorentina accorta.

3′: Difesa della Fiorentina con De Maio al centro, Astori centro sinistra e Tomovic centro destra.

2′: Azione confusa della Lazio con Keita che cerca il tiro al limite dell’area, ma sono tanti gli uomini viola in pressing e alla fine è Astori a mettere in angolo. Non ci sono sviluppi dalla bandierina con Tatarusanu che riprende con la rimessa dal fondo.

1′: Lazio che prova l’affondo dalla sinistra della Fiorentina, prima Olivera e poi Sanchez sparano lontano.

1′: Comincia la partita con la Lazio in possesso di palla.

Squadre in campo. Fiorentina in completo viola con il capitano che sarà Tomovic viste le assenze di Gonzalo e Borja Valero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

226 commenti

  1. Antonino facevi prima a dire che se non ci fossero questi presidenti di m…. si poteva vincere qualcosa sia con Prandelli Montella e Sousa

  2. Una gran parte dei commenti sono semplicemente vergognosi perché un tifoso benché mediocre non dovrebbe assolutamente farli. Alcuni potrebbero nemmeno vedere la partita, a loro basterebbe solo sapere il risultato perché tanto avrebbero detto le stesse stupidaggini. Se sbaglia il rigore Ilicic (lo scorso anno li ha segnati tutti) la colpa è di Sousa perché l’avrebbe dovuto tirare Bernardeschi (che però ha sbagliato tutte le punizioni), l’avesse sbagliato Bernardeschi la colpa sarebbe stata sempre di Sousa perché l’avrebbe dovuto tirare Ilicic o qualcun altro. Qualcuno la spara grossa e dice che con la nostra rosa ma con un altro allenatore ce la potremmo giocare con tutti. Questo qualcuno dovrebbe mettere in colonna le rose di Juve, Roma, Napoli, Milan, Inter, Lazio e mi fermo qui e poi valutarli per singolo giocatore. Chissà quanti ne metterebbe tra i primi quattro o cinque; io credo che solo tre o quattro potrebbero competere in quella posizione, gli altri titolari starebbero tutti in settima posizione, le riserve non troverebbero collocazione in nessuna di queste sette squadre. Io dico semplicemente che la squadra è stata continuamente indebolita negli ultimi 4 anni ed in particolare negli ultimi due. Tra i cosiddetti titolari siamo passati da Pasqual ad Alonso a Olivera (e c’abbiamo perso tanto); da Savic ad Astori (e non c’abbiamo perso); da Pizarro a Badelj (e non c’abbiamo perso ma Badelj c’era ed era riserva); da Cuadrado a Joaquin a Tello (e non mi sembra c’abbiamo perso poco); da Aquilani/Fernandez a Vecino (e non c’abbiamo perso ma Vecino faceva la riserva ed è stato lanciato da Sousa); da Gomez a Kalinic (e qui c’abbiamo guadagnato tanto ma il merito è tutto di Sousa); da Rossi a Salah a Ilicic (e non esprimo giudizio ma dico che Ilicic che prima era alternativa ora è uno dei migliori). Se poi parliamo di riserve, ebbene prima avevamo giocatori del calibro di Pasqual, Basanta, Ambrosini, Vargas e, come detto, Badelj, Mati/Aquilani, Vecino, Joaquin, Ilicic. Quindi negli ultimi due anni la rosa è stata azzannata e meno male che Sousa ha tirato fuori Kalinic, ha rigenerato Ilicic, ha lanciato Vecino e Bernardeschi e adesso Chiesa, ha maturato Badelj. Ma, parlare di queste cose significherebbe scomodare la proprietà e la dirigenza e questo non porterebbe a nulla come già successo in passato ed allora, con l’appoggio della stampa locale scadente ed asservita, si scatena la polemica verso l’allenatore, un film già visto con Prandelli e Montella e che si ripete con Sousa. Io dico che non meritavamo nessuno di questi tre grandi allenatori perché abbiamo quasi sempre navigato nella mediocrità e continueremo a farlo finché continuerà questo ostracismo ingiustificato verso i giocatori (abbiamo esempi a bizzeffe a partire da Vargas, Pasqual, ilicic, Badelj, ecc) ed in particolare verso gli allenatori. Se Sousa avesse in rosa Alonso, Cuadrado (o Salah), Joaquin (di 2/3 anni fa o equivalente) lotterebbe veramente per lo scudetto.

  3. GUIDOLIN

  4. Al solito, a corto di argomenti, la butti in caciara.
    Cosa ci incastra il Crotone con il discorso che faccio io. Tralascio il fatto che evidentemente la partita l’avrai vista in tv, io che ero presente, ti posso dire che quel campo era più impraticabile di Genova quando la sospesero, in una partita con quelle condizioni li, i valori si annullano e diventa un terno al lotto. Il mio discorso è generale: in due anni, la qualità di questa squadra è colata a picco, in maniera indiscutibile. La differenza fra un’ottima squadra e una buona, la misuri nell’arco di una stagione. L’ottima squadra, di partite storte, ne può beccare 3/4, quella buona, può perdere con chiunque.

  5. I primi colpevoli siamo noi tifosi incapaci di reagire ad un sopruso in atto ormai da due anni ,osservatori ,senza la pur minima contestazione a questa deprimente proprietà ,a già diamo pure la colpa al mister…….poveri tifosi siamo diventati un gregge di pecore

  6. Ancora come cisko e Dario? Ma sono scarsi sempre per un tempo? Con il Crotone non potevamo vincere con questi scarsi? E del Genoa ne parliamo? Ha vinto lo scarsissimo Palermo e noi….. riposiamo per vincere a Roma,continuate a difendere il supercazzola del nostro allenatore.Gia’ serve per attaccare la società…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*