Questo sito contribuisce alla audience di

L’azzardo di Cognigni su Borja Valero. Ma il ‘colpevole’ tarda ad arrivare

Una frase ad effetto, condita con un bel po’ di azzardo. Poi il vicolo dove trovare rifugio nel caso le cose non dovessero andare nel modo migliore. Mario Cognigni ha prima sparato alto: “Non siamo un supermercato e non vendiamo nessuno men che meno il Sindaco”. Poi ha aggiunto (ed è qui la scappatoia): “Deve restare solo se si sente davvero il Sindaco, e vuole farlo vedere in campo”.

Passando all’altra sponda, quella di Borja Valero, la posizione non cambia: lui vuol restare alla Fiorentina e se ne va solo davanti ad una precisa presa di posizione da parte della proprietà.

Insomma qui il ‘colpevole’, nel senso di colui che si prende tutte le colpe di un’eventuale separazione, stenta ad uscire allo scoperto e alla fine chi potrebbe rimetterci davanti a tutta questa situazione potrebbe essere davvero l’Inter che pensava (e pensa tutt’ora) di avere in mano il giocatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. Ma che articolo è mai questo? Se uno lascia un posto di lavoro lo fa per due motivi: a) ha trovato qualcosa di più redditizio, b) lo hanno messo alla porta. Non mi pare che Cognigni abbia detto che si può trovare un’altra sistemazione, quindi… O si sta cercando in tutte le maniere di far nascere un altro caso… Tanto per avere qualche lettore in più. E’ un modo di fare giornalismo che, perdonatemi, non mi piace per niente

  2. La situazione di Borja è semplice. Se va via con due anni di contratto maggiorato all’Inter, segno che vuole andare. Se invece il contratto dell’Inter è più lungo, va perché qui non vogliono rinnovare. Basta aspettare e si vedrà se voleva andare o lo hanno spinto ad andare…

  3. Ciccio Ben, posso sbagliarmi, ma penso che Borja voglia rimanere (o al massimo lo voleva, quando si sentiva amato da quasi tutti).
    Poi io non sono un suo grande estimatore (soprattutto del borja degli ultimi due anni). Ma ho molta paura da chi verrà sostituito, se verrà sostituito…

    Noi siamo una squadra che deve vendere almeno due giocatori all’anno, quando solo all’apice delle forma o a inizio fase calante (lo fanno le grandi, figuriamoci noi), ma che almeno li si venda bene e soprattutto che li si sostituisca degnamente (tipo lo zielinski di due anni fa….)

    Però perdonami, credi a quanto detto da Cognini? Hai mai sentito qualche dirigente dire il contrario, tipo siamo un supermercato?

    Secondo me andrà via per 7/8 milioni.

  4. BatiRui non concordo. Noi non stiamo trattando nessuno. Lo ha ribadito Cognigni: non siamo un supermercato dove uno arriva fissa un prezzo per un nostro giocatore lo prende e va via. Direi piuttosto che, come dice Clint, Borja non mi pare motivato a restare. Io lo terrei ma il primo a voler rimanere dev’essere lui.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*