Le bordate di Montella alla società

MontellaAndreaDellaValleNella conferenza stampa di ieri Montella si è sfogato, togliendosi qualche sassolino e cercando di spronare la società, che in certi casi manifesta ancora una certa immaturità. L’allenatore della Fiorentina non si è risparmiato e c’è un passaggio molto interessante in questo senso: “È difficile preparare una partita se si pensa che non sia importante. Quando si vince si fa fatica a riconoscere le persone nello spogliatoio. Dopo la gara con la Dinamo Kiev c’era un sacco di gente. Prima del Cagliari, invece, non si è visto nessuno”. Messaggio chiaro, si vince e si perde tutti insieme, mentre la società della Fiorentina quando la squadra perde sembra volersi tirare un po’ indietro con Andrea Della Valle in persona che, per esempio, sullo 0-2 del Cagliari ha abbonato lo stadio, certamente per motivi di lavoro impellenti e non rimandabili, ma il messaggio di Montella sembra chiaro, società e squadra devono essere un tutt’uno nella vittoria e soprattutto nella sconfitta, un passo che ancora questa Fiorentina non ha fatto.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

48 commenti

  1. Montella, devi solo ringraziare i tifosi, quelli della Fiesole!!
    Squadre che giocano così male e vengono applaudite, non mi era mai capitato di vederlo!!

  2. Graziano Giusti

    Montella non mi ha mai entusiasmato, ma x favore non cerchiamo il capro espiatorio così gli altri se ne lavano le mani. se in un mese TUTTO E’ EVAPORATO (o quasi) i motivi vanno ricercati anche oltre l’allenatore. Che i DV ci abbiano messo i quattrini è un fatto (non sono in grado di dire se tanti o pochi). Che questi quattrini non siano stati spesi e gestiti al meglio è un altro fatto. Dunque vediamo bene TUTTE le responsabilità e non una sola.

  3. Te lo dico io IACHINI

  4. Come al solito Montella scarica su altri le sue colpe. Sarebbe l’assenza di dirigenti nello spogliatoio a scaricare la squadra, non, ad esempio, la formazione folle messa in campo col Verona. Cobolli Gigli dice che a fine anno Montella si guarderà intorno? E se gli regalassimo degli occhiali per vedere meglio dove andare a far danni?

  5. Caro Montella,comunque vadano le cose,a fine stagione è giusto dirsi addio,mi piacerebbe sapere se la società ha colpe anche quando schieri formazioni imbarazzanti,vedi Verona,o quando fai giocare la viola con 2 registi che si pestano i piedi.SOLO PER LA MAGLIA

  6. lucabilly1963, da Atene, Grecia

    Montella ha fatto bene a dire quel che ha detto. Mi par di vederla la scena: vittoria con la Dinamo e passaggio libero a tutti gli accoliti, partita col Cagliari, nessuno ne’ prima ne’ dopo. La societa` ha le sue colpe e sembra non aver imparato nulla dalla dipartita di Prandelli. D’altra parte Montella ha le sue colpe a cominciare da una partecipazione quasi asettica alla partita che non trasmette corrente elettrica ne’ a giocatori ne’ all’ambiente. Se poi si aggiungono gli errori tecnici…

  7. Lasciando da parte ogni dietrologia e’ normale dichiarare che l’importanza da attribuire ad una partita e’ legata a soggetti diversi che non siano squadra e allenatore? Mah!!!

  8. Mah, io non leggo le parole di Montella come una critica alla società. Piuttosto come una critica all’ambiente nel suo insieme (compresi i giornalisti, direi, pronti a osannarti nei momenti di gloria e altrettanto voltagabbana nei momenti bui). Scusate, ma c’è da parte dei commentatori una gran voglia di mettere in crisi tutto il castello (società, allenatore, squadra). Non so perchè. forse per aver e uno scoop da raccontare… Ma se Montella se ne va: chi al posto suo?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*