Le due facce di Tello

Foto: Activa Foto/Fiorentinanews.com

Cristian Tello è arrivato a Firenze nel mercato di gennaio e, insieme a Zarate, è l’unica nota positiva della sessione invernale. Arrivato dal Porto via Barcellona, lo spagnolo ci ha messo ben poco per integrarsi nei meccanismi della creatura di Paulo Sousa ed la sua prestazione è stata decisiva nella vittoria contro l’Atalanta. Nella partita contro il Napoli abbiamo potuto ammirare un giocatore dominante nel primo tempo ma altrettanto fuori dal gioco nella ripresa: e la stessa storia si è ripetuta ieri contro l’Hellas Verona. Nella prima frazione Tello è stato probabilmente il migliore dei viola ed ha servito anche l’assist a Zarate per il vantaggio dei gigliati: nel secondo tempo, invece, l’ex Barcellona si è isolato dal gioco, non risultando utile alla manovra viola. Proprio come è successo contro il Napoli, Paulo Sousa ha deciso di non sostituirlo, sperando in qualche lampo che non è però arrivato. Il problema dello spagnolo è una condizione fisica ancora piuttosto deficitaria, pur essendo arrivato in viola già da un mese e mezzo. Il compito del tecnico portoghese è quello di migliorarlo da questo punto di vista, per farlo rendere al massimo in questo finale di stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Ovviamente non stiamo parlando di Hamrin o di Bruno Conti, né, per restare a giocatori contemporanei, di Ribery o di Pedro. Però, se avesse segato contro il Napoli invece di prendere la traversa, i toni sarebbero diversi e qualcuno, anche tra i cosiddetti addeti ai lavori, parlerebbe di un fenomeno. C’era chi, il mese scorso, affermava che Bernardeschi è il nuovo Cruiff!!!

  2. Nin giocava da un anno con continuità mi pare normale che abbia un solo tempo nelle gambe, va visto la prossima stagione, se è partito a gennaio e a 0 € ci sta un motivo ma è giovane e quindi ci sta tempo x lui e poi bernardeschi e ilicic un mezzo ricambio lo richiedevano e Tello anche cosi’ era meglio di niente e di diversi altri nomi

  3. Io continuo ad essere piuttosto scettico su Tello, primo perché finora non ho visto il Tello che avevo visto al Barcellona con le sue caratteristiche scorribande sulla fascia, ora lo vedo fermo, incerto anche a saltare l’avversario, è anche vero che finora non ha deluso del tutto, ma io resto della mia opinione

  4. Tanto forte nell’uno contro uno, Tello si perde sul più bello! Qualche assist ma poi cala vistosamente e se gli levi la velocità rimane un giocatore mediocre.!! Zarate sarà anche una testa a rotoli ma gioca sempre con tecnica e con grinta.—- e segna spaesso e volentieri

  5. deve necessariamente crescere fisicamente, ora non dura più di un’ora, e anche lui gioca troppo per se stesso.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*