Questo sito contribuisce alla audience di

Le nostre PAGELLE: Bentornata mediocrità. Salviamo la verve di Acosty

Neto: 6 – Non gli danno nemmeno il tempo di entrare in porta che Denis lo infila di testa. Un paio di belli interventi su Denis e Ferreira Pinto, ma anche un’incertezza grossa in uscita che poteva costare la terza rete.
Camporese: 5,5 – Dà troppo spazio a Denis che in un’occasione lo punisce e in un’altra ci va vicino. Nel mezzo qualcosa di buono ce lo fa vedere.
Natali: 5 – Si dimentica di Bonaventura in occasione del secondo gol. Maxi Moralez va ad un’altra velocità rispetto a lui e stavolta al centro della retroguardia viola si entra bene.
Nastasic: 5,5 – Ci ha fatto vedere e in più circostanze di poter far meglio. Si fa apprezzare solo perché salva un gol praticamente fatto, sulla linea (colpo di testa su pallonetto di Maxi Moralez).
Cassani: 5,5 – Uno di quelli che non sta bene, ma anche uno di quelli che ha il piede fuori misura quando arriva sul fondo. De Silvestri: 5,5 – Senza ampi spazi la sua azione risulta facile da limitare.
Behrami: 6 – Povero Valon, ci mancava solo un problema alla spalla per completare la collezione di guai fisici. Nel secondo tempo la sua assenza si sente, eccome Salifu: 5,5 – Con lui e senza lo svizzero il centrocampo viola perde di peso e l’Atalanta dilaga.
Kharja: 5 – Non abbiamo fatto a tempo a lodarlo per la prestazione di Roma che siamo tornati alle vecchie, cattive, abitudini. Segnali di vita pressoché nulli.
Lazzari: 6 – Un primo tempo discreto, in cui partecipa da protagonista nella manovra viola. Si vede che acquisire un po’ di fiducia gli ha fatto bene. Nella ripresa si adegua però agli standard dell’intera squadra.

Pasqual: 5,5 – Spinge bene nella fase iniziale, la sua partita cambia da quando cicca clamorosamente un invitante pallone al volo dentro l’area, tra l’altro calibrato per il suo sinistro..

Ljajic: 5,5 – Sempre carino a vedersi, la tecnica non gli manca, ma alla fine, stringi, stringi c’è poco peso in fase offensiva. Acosty: 6 – Si procura un rigore, sfiora un gol di testa e scaglia un altro tiro dalla distanza tra le braccia di Consigli. La verve c’è e si vede.

Jovetic: 5 – Ha sui piedi l’occasionissima per riaprire la partita ma si fa parare il rigore da Consigli, un episodio negativo all’interno di una prestazione da giocatore sottotono e non certo da campione.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. Giampiero…concordo in pieno…prima di schierare l”ENIGMA Cerci….ACOSTY TITOLARE!!!

  2. mercoledì Acosty dall’inizio!!FORZA VIOLA!!!!!!!!!!!!

  3. keonilda, forse non ti ricordi quando Rossi a Milano è entrato in campo e ha spintonato Muntari, reo di aver aggredito i giocatori viola che erano in panca, o quando a Roma ha fatto il magico colpo di tacco per allontanare il pallone e perdere tempo….mi sembra ci si attacchi a cose un pò futili pur di criticare un allenatore che sta facendo un autentico miracolo, salvando una squadra senza capo nè coda, e soprattutto senza attaccanti!!!

  4. Lo dissi pure dopo la gara con la Roma. Rossi non è in grado di gestire la partita in corso, non sa motivare la squadra ( oggi, con la squadra avanti di due gol, si sono sentiti solo gli urli di Colantuono). Che senso ha non partire con l’ unica punta vera che c’ è rimasta, se poi vede che non gira la cambia con una seconda punta.

  5. Ormai è inutile essere ********* e parlare col nervoso,quelli stanno bene in c l’altro è una fighetta e cosi via.bisogna stare +calmi con il nervoso fai cilecca anche con Belen….a noi basta anche un punto col novara,tanto il lecce con la juve non ha scampo.FV,E STIAMO CALMI..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*