Le nostre PAGELLE: Borja, Kalinic, Pepito, così si costruisce la vittoria. Blaszczykowski stecca ancora

Kalinic Roma

Tatarusanu: 5,5 Non è che debba fare grandi interventi, però su due uscite fa correre davvero i brividi. Una in particolare è assolutamente insensata e, probabilmente, tocca pure il pallone con le mani appena fuori dall’area.
Roncaglia: 6 Verrebbe da dare un voto unico per gli argentini che è la sufficienza, anche perché l’avversario è davvero poca roba in avanti e non può impensierire tre elementi di buono spessore come i giocatori della retroguardia viola.
Gonzalo: 6 Per lui vale quanto scritto per Roncaglia.
Astori: 6,5 Dei tre dietro è il più impegnato, anche se non in maniera trascendentale. Bello un intervento a bloccare un’incursione in area nel secondo tempo. Peccato per l’infortunio arrivato nel finale di partita. Tomovic: SV.
Blaszczykowski: 5 Combina davvero poco e l’unica volta che si ritrova una palla buona sui suoi piedi, cade da solo, in maniera goffa. Bernardeschi: 6 Sembra essersi trasformato in un soldatino, uno di quelli che tiene la posizione in maniera ordinata e chiude gli spazi sulla fascia.
Vecino: 6,5 Buona, per non dire ottima, partenza, poi decide di rintanarsi e il suo secondo tempo è da mediano puro, senza incursioni offensive.
Borja Valero: 7 L’uomo a tutto campo e che anche da pivot (Sousa chiama così i giocatori che si piazzano centrali davanti alla difesa) è un mastino insuperabile. Da palleggio e da rincorsa, o se preferite da bosco e da riviera. L’ammonizione sciocca è l’unica nota negativa della sua gara.
Pasqual: 6 Il suo primo tempo è buono, tant’è che il primo gol nasce, tanto per cambiare, da un suo bel cross. Ripresa anonima.
Ilicic: 6 Finché c’è da tenere palla e palleggiare non ci sono problemi. Stavolta però gli manca l’acuto, l’azione o il tocco quando la porta del Verona è più vicina.
Rossi: 6,5 E’ indubbio che la cosa migliore della sua partita sia l’assist per il gol di Kalinic, un tocco perfetto, coi giri giusti, che il croato deve solo spingere in rete. Un’ora di gioco positiva per Pepito che, piano, piano, sta tornando ad essere molto utile alla causa. Badelj: 6 Non deve strafare per risultare uno dei dominatori del centrocampo.
Kalinic: 7 Fallisce malamente una buona opportunità all’inizio, poi però c’è nelle azioni determinanti della gara. Disturba Gollini e Marquez, costringendoli, in un certo senso, all’autorete. Tocco facile, facile sotto porta per il 2-0.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

24 commenti

  1. Partita dominata in tutti i sensi. Bravi ragazzi !!! Ma la partita più importante è quella con il Lech Poznań, in cui dobbiamo, in tutti i modi, Vincere. L’obbiettivo della Società è quello di vincere l’Europa League o la Coppa Italia e non sicuramente il Campionato, anche se per ora reggiamo il confronto con le altre Big, anche perché non abbiamo una giusta panchina.

  2. RuiBati non rinuncia a farci credere di essere un tecnico tattico calcistico scaltrissimo e competentissimo e al solito ci delizia con le sue czzzzze suggerendo al (Sousa?) web , cosa dovrebbe fare la Fiorentina. È troppo modesto, dovrebbe uscire dal l’anonimato e presentarsi ad Agnelli ,visto l’andamento della Juve. Comunque complimenti ,mi sei insopportabile,ma nel contempo spassosissimo.

  3. Prima di dare giudizi, talvolta ovviamente non condivisi, bisogna aver giocato partite del genere con avversari alla disperazione che pensano più alle gambe che al pallone . Si spiegano dunque diverse esitazioni di alcuni nostri, magari già acciaccati e quindi memori di ciò che può di nuovo accadere. E questo mi sembra giusto.

  4. La viola è sempre un po debole dietro, che fino a quando non si incontrano attaccanti straordinari come quelli della Roma o del Napoli, ci va bene 🙂 e Kuba non è Joaquin… ma siamo un ottima squadra e a me Kalinic mi piace un casino!!! Sousa, insieme a Sarri, è il miglior allenatore in Italia e quindi sono ottimista per il futuro e speranzoso che la società a gennaio finalmente sistemi tutta la fascia destra con due aquisti mirati 😉

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*