Questo sito contribuisce alla audience di

Le nostre PAGELLE: Ed ecco arrivare la cavolata di Roncaglia. Date una maglia bianca a Ilicic e otterrete un perfetto fantasma

RoncagliaCagliariNeto: 6,5 Sbaglia un’uscita nel primo tempo, ma rimedia con una bella parata su Dessena. Attento anche su Pinilla e Dessena nella ripresa. Il rigore non lo vede proprio, ma gliene possiamo fare una colpa? Forse l’unico che si è veramente salvato.

Roncaglia: 4,5 Il grande temperamento che spesso è il suo punto di forza, lo porta talvolta a fare delle cavolate grosse come una casa, roba che neanche nei dilettanti. E se questa cavolata la fa in area di rigore (fallo su Sau completamente inutile e conseguente penalty per i rossoblu) ecco che la campana suona a morto per tutta la squadra.

Gonzalo: 6 Una partita tutta determinazione, anche troppa in alcune circostanze (ammonito per un fallo da dietro). Con la squadra spezzata in due tronconi deve fare molti chilometri per temporeggiare e affrontare gli avversari.

Savic: 6 L’ultimo discorso potrebbe valere anche per Gonzalo. Sfiora l’autorete, ma è difficile essere sempre perfetti quando non ti lasciano tempo per respirare.

Vargas: 5 C’era a Cagliari, ma sembrava uno dei partecipanti ad una gita aziendale, piuttosto che ad una partita di calcio. Spinta inesistente, cross uno e totalmente fuori misura. Partire da più dietro non gli giova, ma insomma…

Anderson: 6 Dargli responsabilità per il non gioco della squadra è sbagliato e ingeneroso, dato che è arrivato da poco. Un paio di iniziative interessanti, in mezzo al nulla proposto dalla squadra nei primi 50 minuti lo mette in mostra. Indubbio il fatto che debba crescere. Borja Valero: 6 Fa un primo sforzo ad esserci tra i convocati e ne fa un altro addirittura giocando uno spezzone di partita. Meglio lui con una gamba rispetto a tanti altri che dovrebbero essere sani e che invece sono dei morti.

Aquilani: 6 A lui l’ingrato compito di fare legna in mezzo ad un centrocampo nutrito di giocatori, coi piedi buoni, ma anche con le idee offuscate. Ed è un compito svolto dall’ex Liverpool. Joaquin: 5,5 Potrebbe affondare, ma si adegua al livello dei compagni.

Mati Fernandez: 5,5 Dalle punizioni, alla palla al piede, c’è poco Mati in campo. Matos: 5,5 Non incide e non dà ampiezza alla manovra viola.

Pizarro: 5,5 Almeno prova a dare una scossa nella ripresa, ma non ci riesce, anche perché gli errori di misura si sprecano.

Ilicic: 4,5 La maglia bianca si addice meravigliosamente ad un fantasma. Il mistero, se vogliamo, è che giochi tutti i novanta minuti.

Matri: 5 Un tiro tra le braccia del portiere e un movimento sul primo palo a provare ad anticipare l’avversario diretto. La sua partita è tutta qui. Si potrebbe discutere sul fatto che la squadra non lo metta in condizione di colpire, ma il discorso sarebbe troppo lungo…

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

44 commenti

  1. Gianna il tuo primo commento è delirante.
    Ma che c**** dici??????
    Se un tifoso, per una partita storta fa così, mi fa solo pena

  2. siamo stati brutti ma brutti forte.
    Ora pero’ avanti e concentrati….

  3. brutta giornata… brutta partita… brutta prestazione… squadra decimata… errori/orrori dentro e fuori (allenatore) campo… testa chissà dove (coppa italia?) ci stanno tutti gli ingredienti per la prestazione fatta….. io dico non eravamo super prima e non siamo brocchi adesso!!!! dobbiamo lavorare…lavorare…lavorare e lavorare per correggere gi errori di cagliari, una giornata da dimenticare capita a tutti.
    è giusto essere arrabbiati ma non dobbiamo esagerare con le critiche. SFV

  4. Ok il voto a Roncaglia. Ma lo stesso voto lo darei a Vargas: spiegatemi la sua funzione storica, ieri. Non c’era solo il fantasma Ilicic in campo, c’era anche il fantasma Vargas: irritante! Ma qualche responsabilità ce l’ha anche l’allenatore. Va bene che in settimana abbiamo una partita importante, ma presentare questi rincalzi è sconsolante. Se fossi Andrea D. V. mi domanderei: ma chi me li ha messi a busta paga, questi qui? Comunque il calcio è anche questo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*