Le nostre PAGELLE: Finalmente Vecino (peccato sia l’ultima). Bernardeschi e Tello si esaltano nelle praterie dell’Olimpico

Vecino in azione. Foto: LF/Fiorentinanews.com
Vecino in azione. Foto: LF/Fiorentinanews.com

Lezzerini: 7 Povero Lezze, il primo tiro che gli arriva verso la porta è una fucilata all’incrocio dei pali, assolutamente imparabile. Sveglio e abile ad uscire su Klose che aveva trovato un bel numero in area viola. Dice di no a Keita ed è una bella parata la sua, così come a Lulic e a Milinkovic-Savic.
Tomovic: 6 Keita non domina come potrebbe anche se, quando cambia passo, lo mette in difficoltà.
Gonzalo: 6 Il rigore fischiato da Manganiello per la Lazio dopo una sua entrata su Lulic, non c’è, perché tocca il pallone. Resiste al forcing finale biancoceleste.
Astori: 6,5 Anche in una serata che conta il giusto si concede tre o quattro interventi degni di nota, specialmente su Klose, al quale ha tolto un paio di palloni che erano solo da spingere in rete.
Tello: 7,5 Nelle praterie dell’Olimpico si trova meravigliosamente a suo agio. Dribbla, se ne va in velocità, serve assist invitanti ai compagni (Bernardeschi segna dopo un suo passaggio perfetto) e poi segna pure, dopo una bella sgroppata di una quarantina di metri. Quand’è così è uno spettacolo. E il tutto solo in un tempo, perché il secondo se lo dimentica quasi di giocare (come consuetudine). Kalinic: SV.
Badelj: 6 Nel momento migliore della Fiorentina, tra la fine del primo tempo e l’inizio della ripresa, sale in cattedra. Ma negli altri spezzoni di gara, rema per stare al passo degli avversari.
Vecino: 7,5 All’ultimo tentativo arrivano la prima e la seconda rete in maglia viola dell’uruguaiano che dà il via alla rimonta e pure l’ultimo sigillo gigliato. Peccato che arrivino solo ora, qualche gol da parte dei centrocampisti avrebbe fatto molto comodo vista la sterilità degli attaccanti gigliati nella seconda parte della stagione. Costa: SV.
Alonso: 6 Solo mezz’ora in campo, il suo campionato finisce con un infortunio e qualche sgroppata sulla sinistra prima che la spalla facesse crack. Roncaglia: 6 Una partita condotta sulla sinistra, ovvero fuori ruolo, e che lui conduce da diligente scolaretto.
Bernardeschi: 7,5 Al pari di Tello si trova molto bene in mezzo ad una difesa ballerina e può comunque vantare un gol, un assist e una traversa scheggiata.
Mati Fernandez: 6,5 Uno scavetto per Zarate (che sbaglia davanti al portiere), poi un assist per mettere in porta Vecino (che segna). Stavolta il cileno ci degna, finalmente, di una maggiore concretezza, oltre che di un pregevole palleggio.
Zarate: 6,5 Ha le armi, velocità e tecnica, per mettere in difficoltà la retroguardia della Lazio e lo fa a più riprese. Peccato che sotto porta sbaglia davvero tanto, si sarebbe meritato un gol.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20 commenti

  1. sarà un caso , con l’assenza di Boria ieri è sparito il tiki taca e dopo l’infortunio ad alonso la squadra ha giocato meglio ed ha fatto molte azioni in contropiede concluse in rete

  2. dal 20° al 60° abbiamo visto quello che dobbiamo essere sempre!! rapidi cattivi e vincenti!! all’inizio e nella mezz’ora finale quello che non deve accadere mai!! li stavamo rimettendo in gara!! lezzerini molto bene!!

  3. Ha ha ha..di colpo Mati e Tello sono diventati due fuoriclasse, ha ha ha ,incredibile che ci sia tutto questo entusiasmo per una partita che non aveva niente da dire .

  4. Visto che tutti sparano la propria …….. provo anch’ io dire la mia: Per me oggi si è giocato bene perché non c’era in campo Borja, oggi si sono viste ripartenze veloci e non come quando la palla arriva Borja che se la tiene fra i piedi ad aspettare che gli facciano fallo. Comunque 6 a Badelj è troppo poco.

  5. Nessuno ha fatto caso come la viola abbia iniziato a giocare bene qnd Alonso non per lui figuriamoci ma abbiamo abbassato mati in un centrocampo a 3 e lasciato le ali piu libere. Sono convinto che se giocassimo a 3 con badely vicino e borja siamo inferiori a pochi in europa, ( a differenza del centrocampo di montella abbiamo vecino e non aquilani che non recuperava un pallone cosi come badely (top) rispetto a pizarro ).alla fine la vosa positiva è che tutta la rosa vale molto di piu quindi vendendo si recupera tanto, ronnoverei il orestito di tello, praet sarà giovane ma nn credo valga ilicic, piu che altro con i soldi di ilicic prenderei paredes e farei lo scambio vecino gabbiadini, comprerei un terzino destro forte, e 2 centrali. Babacar per pavoletti e non ci manca nulla

  6. Astori lo preferisco a Savic

  7. Premetto che per me Roncaglia è’ davvero scarso. Però rinnovato a Tomovic che è più scarso di lui e a Roncaglia no ? Almeno è veloce

  8. Il migliore in assoluto è stato Mati Fernández, assist, inserimenti e verticalizzazioni, lui è il migliore trequartista che c’è!!!!!

  9. Roncaglia merita sicuramente piu’ e a Tello bisogna passare la palla come nel primo tempo.Eppoi si e’ visto pure che giocando in contropiede e in velocita’ gol li facciamo anche noi

  10. Ho sempre criticato Roncaglia, oggi merita un bel voto per essersi reso disponibile in un ruolo non suo non facendo neanche male. Con Alonso avremmo sicuramente perso. Il melenso terzino non fa mai nulla di decisivo, e quando arriva sulla palla in area la spadella. Da Cedere assolitamente. Poi Tello un giocatore per un solon tempo, delle due l’una o non gli hanno detto che le gare durano 90 minuti. Oppure si sente troppo grande per sprecarsi in una gara intera. Da rispedire al mittente. Infine il portiere, finalmente uno che su 7 tiri ne para 5 e non come il Tata che fa una media viscina al 90%. Anche quello da rispedire in Romania. Poi qualcuno ricordi a Vecino di allenarsi nei tiri in porta visto che qualche volta ci prende. Perchè lo fa solo all’ultima gara?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*