Le nostre PAGELLE: I sabotatori interni rovinano la poesia di Bernardeschi e la meraviglia di Zarate

Tomovic lancia la palla in profondità. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Tatarusanu: 6 Se sul tiro di Insigne, bellissimo per altro, non è apparso molto reattivo è grazie alle uscite che si è guadagnato la pagnotta, una a chiudere lo specchio e un’altra, molto bella, ad anticipare basso Mertens che altrimenti avrebbe segnato col più facile dei tocchi. Quasi quasi stava per parare pure il rigore.
Salcedo: 4 Rovina la sua partita stendendo Mertens in area e regalando al Napoli il rigore del 3-3.
Tomovic: 3 Si perde Mertens una prima volta, ma Maxi Olivera rimedia al suo errore. Nessuno però può fare nulla quando commette la più madornale delle sciocchezze sulla trequarti viola. Mertens gli ruba palla, segna e ringrazia il serbo, autore dell’ennesimo errore della sua stagione.
Astori: 6,5 Non è una serata tranquilla quando hai a che fare come un tridente come quello del Napoli. Tra tutti però Callejon è quello meno efficace e forse una risposta alle sue difficoltà c’è e si chiama Astori.
Chiesa: 7,5 E’ semplicemente straordinario per corsa, velocità e tiro in porta. E’ sulle fasce (e con i tagli centrali di Kalinic) che la Fiorentina mette in difficoltà il Napoli e il ragazzino è sempre meno una sorpresa e sempre più una realtà.
Vecino: 6 Costretto a rincorrere palla ed avversari, un lavoro di sacrificio apprezzabile.
Badelj: 5,5 Sbaglia qualche appoggio di troppo e anche in zone delicate del campo. La serata non è delle migliori e se ne accorge anche Sousa che lo toglie anzitempo. Sanchez: 6 Il suo ingresso sembrava aver dato equilibrio al reparto avendo tolto a Vecino tutto il lavoro sporco da fare.
Cristoforo: 5 Tocca pochi palloni e quei pochi che tocca non combina praticamente niente. Zarate: 8 Un gol che è semplicemente un capolavoro, non c’è da aggiungere altro. Peccato che la sua prodezza sia stata vanificata.
Maxi Olivera: 7 Una delle sorprese della serata. Spigliato, aggressivo, con tanta voglia di spingere. E poi si esibisce in un maxi salvataggio sulla linea dopo che Mertens aveva già battuto Tatarusanu.
Bernardeschi: 8 Sulla punizione è fortunato, sulla rete del 2-2 è splendido, sul lancio per il gol di Zarate raggiunge la poesia.
Kalinic: 6,5 Con i suoi tagli centrali mette in seria difficoltà la retroguardia del Napoli. In una circostanza nelle fasi iniziali viene fermato ingiustamente quando era lanciato verso la porta, mentre alla fine della prima frazione rischia la seconda ammonizione per simulazione. Lavoro ottimo di protezione della palla per far salire la squadra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

50 commenti

  1. Gentile redazione, il 7 (meritatissimo!) di Oliveira per me non è una sorpresa, consentitemi di ribadire che il 5,5 di Roma è stato (forse) dato da voi più per la delusione del risultato che per le capacità (a sprazzi, ma evidenti) mostrate da Oliveira.

  2. Questo capita quando in squadra hai persone che praticano sport diversi…

  3. Re leone

    come si vede che come allenatore sei da fallimento totale. Ci vuole il centrocampista in più a seconda del tipo di gara che vuoi fare e contro chi la fai. Ma tu che vuoi capire, abituato alle biglie e le bocce la domenica figuriamoci.

  4. Gentile redazione, adesso vedo un bel voto anche per Oliveira da parte vostra, una sufficienza piena, totalmente meritata.
    Per me la meritava anche a Roma contro la Lazio, dove aveva già fatto intravedere qualche cosa di non proprio usuale.

    Ieri ha confermato che gli sprazzi di gioco mostrati a Roma non erano casuali.

  5. L’amichetto di Dario ci ha messo 18 partite a capire che ci vuole un centrocampista in più…e per fortuna ilicic indolente aveva la febbre e ha dovuto per forza schierare chiesa…abbiamo Berna e Chiesa e in molti proveranno a prenderli..ma la proprietà è ambiziosa e non cederà al vill denaro…VIA SOUSA E DARIO DA FIRENZE SUBITO

  6. a me De maio con la lazio non è dispiaciuto, ma già al genoa mi ricordavo fosse un discreto centrale. Non sarà un fenomeno, ma sicuramente meglio di tomovic….
    Ma accontentiamoci di non aver visto tello, peccato i punti persi nelle partite precedenti… x il suo impiego e per quello di tomovic…
    ieri maxi ha giocato bene…
    comunque sousa non sa leggere le partire….
    xchè dicks e non de maio…..
    non fai giocare diks tutto l’anno e lo metti alla fine di fiorentina-napoli?

  7. Finalmente Chiesa in formazione a furor dì popolo e c’è chi ne attribuisce il merito a Sousa !Ridicolo

  8. Corvino president

    Mario non ci capisci una beata ……

  9. No Dario non dici bene, sono stufo di vedere regalato sempre i primi tempi agli avversari. Voglio un allenatore che sappia come fare la fase difensiva,che intendiomoci bene parte da come si mette il centrocampo innanzi tutto. Questo e’ sulla falsariga di Montella, a me piace uno alla Ancelotti, alla Mazzarri.

  10. mario

    carissimo la colpa di tutto ciò come hai potuto constatare con le tue parole è dei DV e non di Sousa che deve arrangiare la squadra alla meno peggio. Ma qui ci sono ancora tantissimi allenatori del dopo gara che danno la colpa solo a Sousa. Che ci vuoi fare, il mondo è bello perchè è vario.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*