Questo sito contribuisce alla audience di

Le nostre PAGELLE: Lampi di Vecino ed Hagi. Chiesa tra ingenuità e mania di protagonismo di un inutile arbitro

Ianis Hagi in azione al Franchi. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Dragowski: 6 E’ forse l’unico che prova ad evitare di far segnare il Pescara anche se la sua imbattibilità in Serie A dura appena quindici minuti.
Tomovic: 5 Basta un semplice rientrino a Caprari per mandarlo al bar. Tagliato anche da Bahebeck sul raddoppio (anche se gli si può concedere una piccola attenuante per l’intervento dell’arbitro sull’azione che ha facilitato la vita a Caprari).
Gonzalo: 5,5 Non è Totti per carità, ma il momento della sua sostituzione è stato commovente lo stesso. Sbaglia però l’uscita in occasione del primo gol, lasciando una bella autostrada nel mezzo. Borja Valero: 6 Encomiabile il suo impegno e anche ammirevole la spinta con cui ha trascinato la squadra verso la rimonta.
Astori: 6 Non si risparmia anche in una serata inutile, entrando con durezza sugli avversari. Poi si mette anche a fare il cursore sulla fascia sinistra, come spesso gli è accaduto soprattutto nella seconda metà del campionato.
Chiesa: 5 Un po’ è ingenuo lui, un po’ è vittima dell’assurda mania di protagonismo di un inutile arbitro. Il risultato è un’ultima partita stagionale macchiata con un cartellino rosso, il secondo dopo quello rimediato in Europa League.
Vecino: 6,5 Vederlo tirare quella staffilata da 25 metri è stato un po’ come vedere un piccolo, grande raggio di sole in una giornata buia e tempestosa.
Cristoforo: 5,5 Finalmente è stato fatto giocare nel ruolo per il quale era stato preso, solo che si arrabatta senza costrutto. Tello: 5,5 Non tocca molti palloni da quando entra in campo e di conseguenza non è molto pericoloso.
Salcedo: 5 Sulla fascia è utile quanto i consigli sul sesso sicuro dati da Mario Adinolfi. L’ultima invenzione che ci ha regalato Sousa. Poi torna al suo posto dopo un’ora di assenza dal gioco.
Bernardeschi: 5 E’ vero che un paio di conclusioni pericolose partono dai suoi piedi ma è innegabile che per il resto sbagli molto, anche appoggi facili. In generale ha l’atteggiamento di uno che è già a Formentera invece che in campo al Franchi (anche se non è il solo). Hagi: 6 L’avversario e la partita erano quelli che erano, ma qualche colpo ce l’ha.
Saponara: 5,5 Una prestazione sottotono che cerca di rivalutare con il gol del momentaneo 1-2, salvo poi vanificare il tutto fallendo una clamorosa doppia occasione per il 2-2.
Babacar: 5 Non graffia anche quando ha l’opportunità grossa di farlo come quando si presenta da solo davanti al portiere fallendo il colpo del 3-2. Almeno riesce a servire un assist per Saponara, ma dopo aver sbagliato un controllo non difficile davanti alla porta del Pescara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Saponara ha giocato meglio quando è uscito Bernardeshi. Logico si dovrebbe giocare con un trequartista dietro a due punte e non con due trequartisti che si pestano i piedi dietro a una sola punta. Se l’allenatore non capisce queste cose è inutile avere giocatori

  2. D accordo con questi voti dove solo quei pochi raggiungono la sufficienza.C’e’ tanto da cambiare,ma Chiesa ,Hagj ,Dragowski fanno sperare….Saponara non mi e’ piaciuto,Cristoforo e’ da mandarlo a scoprire le Indie,Tomovic in serie C ,Tello in B con Salcedo

  3. Pagelle corrette e obbiettive.

    Bene il 5 a Bernardeschi (che per me è un 5 spalmato su tutta la stagione)

    Dragowski, Hagi e Cristoforo (per me) son tutti da rivedere con calma e ponderazione. Credo ci siano più qualità di quelle mostrate finora !!!

  4. Un po troppo severi , però sono contento di aver visto giocare questa formazione ieri…dragosky e hagi sono forti , cristoforo lo voglio vedere con continuità e salcedo al centro con una difesa piu folta…comunque baba ha sbagliato ma capita a tutti alla fine un assist e una partita generosa l ha fatta

  5. supercannabilover

    WLF

  6. Forza Viola

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*