Questo sito contribuisce alla audience di

Le nostre PAGELLE: Le enormi responsabilità di Sousa. Tatarusanu e una barriera demenziale. Babacar, così non ci siamo

Tatarusanu: 4,5 La barriera messa sulla punizione di Diamanti è demenziale, perché lascia davvero tanto spazio tra la stessa e il palo ed è quasi un gioco da ragazzi per uno specialista come lui metterla in fondo al sacco. Il tiro di Aleesami che segna la fine della partita gli passa in mezzo alle gambe.
Salcedo: 5 Il fallo che genera la punizione del vantaggio del Palermo è suo e rivedendo l’azione e il posizionamento dei compagni diciamo anche che non c’era tutta questa necessità di mettere in condizione Diamanti di poter calciare da quella ghiotta posizione. Buono invece un intervento in apertura di ripresa. Saponara: 5 Finisce per ritrovarsi imbottigliato nella marea di attaccanti e trequartisti messi in campo da Sousa col risultato che praticamente non tocca palla.
Sanchez: 5 Non regge a lungo alla velocità di Nestorovski e fa molta fatica lì nel mezzo, tanto che la difesa viola traballa a più riprese. Aleesami poi lo salta come un birillo in occasione del 2-0. Paradossalmente gioca leggermente meglio quando rimangono due soli centrali in campo, piazzandosi bene sulle linee di passaggio, ma è uno spezzone all’interno di una gara negativa.
Astori: 5 All’interno di questo caos disorganizzato che è la Fiorentina si ritrova tutto il primo tempo a fare l’esterno di spinta a sinistra con tutti i limiti che possiamo immaginarci. Poi chiude a fare il centrale nella retroguardia a due e mezzo che si inventa Sousa per poter recuperare lo svantaggio. Dietro non è solido come in altre circostanze e viene anche espulso dall’arbitro.
Tello: 5 Mette Babacar davanti al portiere al 45′ ed è la sola giocata interessante messa in piedi dallo spagnolo in tutta la gara. Il senegalese poi di movimento ne fa poco e questo di certo non lo agevola.
Badelj: 5,5 Tra tutti è forse quello che riesce a galleggiare meno peggio anche quando è chiamato a sacrificarsi davanti alla difesa nell’illogica formazione che abbiamo visto nel finale.
Vecino: 5 Non c’è davanti l’Inter e allora si spegne. Ma qualcuno potrebbe anche spiegarci cosa c’entra lui col fare il terzino destro, perché a fine gara era quello il suo ruolo.
Milic: SV Senza voto perché non commette errori gravi e la sua sostituzione è tattica e non tecnica. Semmai c’è da dire molto a chi ha deciso di impiegarlo, pur sapendo che il Palermo si sarebbe messo completamente indietro per bloccare la Fiorentina sopratutto sulle fasce. Chiesa: 5 La prima palla che tocca la mette dentro, ma è tutto inutile perché era già stato fischiato un fuorigioco a Sanchez. Poi si aspetta un suo spunto che non arriva mai.
Ilicic: 5 Una punizione di poco alta calciata dal limite dell’area. Questo è quello che si può ricordare della sua prestazione a Palermo, stop! Mlakar: 5,5 Non gettiamo troppo addosso la croce per aver fallito un’ottima opportunità (l’unica della ripresa), perché era il giorno del suo esordio in A e forse non era il momento giusto per gettarlo nella mischia.
Borja Valero: 5 Corre, ci prova, ma non cambia mai passo, non va in verticale e la Fiorentina resta sempre lì senza mai tirare in porta.
Babacar: 4,5 Ha una grande occasione per il pareggio ma stavolta la fallisce incredibilmente. Però non fa mai un movimento per smarcarsi, un taglio sul primo palo. Si ‘accontenta’ di rimanere tra due avversari senza toccare pallone.
Sousa: 2 Chi segue Fiorentinanews.com con continuità sa benissimo che non diamo mai il voto all’allenatore. In questo caso non possiamo esimerci dal farlo. E’ un 2, ma può essere benissimo anche uno zero, fa lo stesso. Il nocciolo, o meglio i noccioli della questione, sono altri. Mette in campo una squadra senza logica, prova a cambiare a partita in corso, ma fa più confusione che altro. Prova le due punte centrali, ma non è una partita da Mlakar, e finisce per mettere Vecino a fare il terzino destro. A tutto c’è un limite e perdere una partita contro il Palermo, in questo modo è indecente!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

24 commenti

  1. Sousa non ci capisce nulla!

  2. Corvino 1 – con BorjaValero Ilicic e Berna solo lui poteva spendere 8 milioni per Saponara e non comprare un terzino destro – Mezzo voto in meno a Sousa perché l’altro acquisto, quello sì utile, lo tiene in panchina per far giocare il peggiore portiere titolare degli ultimi 40 anni viola – chi ha giocato tutti ridicoli, voto zero, perché sono gli stessi che con l’inter , al fresco, e coi riflettori puntati, hanno corso a mille e oggi passeggiavano – sottozero invece alla società, ha ragione Davidone Guetta, la colpa non è di uno oslo ma di tutti – loro in primis perché tengono delle persone da film di Fantozzi a governare la società, che piuttosto di prendere le decisioni giuste (esonero di sousa dopo la partita coi tedeschi) giocano alle ripicchine coi tifosi e col mister – disse bene il Grande Mario Gismondi dopo Italia Corea del Nord a Middlesbourgh 66, oceanico ridicolo, solo una squadra poteva umiliare i tifosi e perdere con la corea, l’italia di fabbri – e così solo la fiore di sousa poteva perdere col palermo (a cui auguro un pronto ritorno in A ), poteva cadere nello stesso oceanico ridicolo – con la lazio stadio vuoto, questi non meritano altro

  3. Nelle ultime 3 patite abbiamo perso in casa con l’Empoli e a Palermo…6 punti …. Incredibile, è incredibile quello che sta succedendo.
    Per me tutti colpevoli…dalla proprietà, al custode, allenatore, giocatori ecc…
    Sono sempre stato lezzo a partita persa….ora da quanto so schifato non me ne frega nemmeno più niente.

  4. Chi cerca giustificazioni al di fuori di squadra e tecnico non ha capito. Empoli e Palermo sono molto più deboli. Non servono campionissimi per batterli. Servirebbero la preparazione della partita da parte del tecnico e le palle che purtroppo non ci sono. Oggi avevamo una squadra femmina che voleva essere posseduta.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*