Le nostre PAGELLE: Quanti problemi dalla cintola in su. Un bel voto (alla carriera) per Pasqual

Manuel Pasqual si appresta al controllo del pallone. Foto: LF/Fiorentinanews.com

Tatarusanu: SV. Crediamo anche che non ci sia bisogno di spiegare il perché.
Roncaglia: 6 Tutti, giustamente, hanno ricordato che questa sarebbe stata l’ultima partita al Franchi di Pasqual, ma è anche l’ultima del difensore argentino al quale non verrà rinnovato il contratto. Ed è stata una chiusura dignitosa e con impegno.
Gonzalo: 6 Ha vita facile contro un Gilardino versione fantasma.
Astori: 6 Prestazione tranquilla e senza particolari affanni anche per lui.
Bernardeschi: 5 La ricerca ossessiva del rientro sul sinistro lo rende meravigliosamente monotono e prevedibile.
Badelj: 5,5 Un bel ripiegamento difensivo nel primo tempo. Una presenza in campo però con poco costrutto. I picchi di inizio stagione sono proprio lontani sia per lui che per la squadra. Vecino: SV.
Borja Valero: 5,5 Continua a trotterellare in quella posizione ibrida, né mediano, né trequartista. E continua a non
Pasqual: 7 Il voto ovviamente non è relativo a questa partita, ma per la sua carriera in maglia viola. Sì perché quella col Palermo è stata la sua ultima apparizione con la Fiorentina (diffidato, è stato ammonito e sarà squalificato). Undici anni nel corso dei quali ha fatto le fortune di Toni e Gilardino coi suoi cross. E poi abbiamo visto anche le sue punizioni e soprattutto il suo attaccamento a questa squadra e a questa città. Ora per lui si apre un altro capitolo della sua carriera. Alonso: 6 Un tiro di destro, un’altra incursione da dietro interessante. In pochi minuti possiamo accontentarci (si fa per dire).
Ilicic: 5 Applausi per la sua stagione, ma non certo per la sua prestazione contro il Palermo, che è stata anonima e priva di spunti. Mati Fernandez: 5,5 Si fa vedere con una punizione da una ventina di metri di poco fuori, poi il solito cincischio.
Zarate: 6 E’ l’unico che prova a fare qualcosa del trio d’attacco, specialmente nel primo tempo dove fa vedere tre accelerazioni discrete. In assoluto niente di straordinario, ma con questi chiari di luna…
Kalinic: 5 Nel primo tempo in scivolata non riesce ad agganciare un buon pallone che gli aveva messo Bernardeschi. Ma è nel secondo tempo che commette un errore grossolano: da cinque metri dalla porta (e con sette metri davanti in cui infilare la palla) colpisce un palo difficile da spiegare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti

  1. Partita da Ufficio Inchieste, tanto il disimpegno dei giocatori con la maglia Viola, poi Sousa parla di rispettare i tifosi, certo con un girone di ritorno da serie B guadagnata sul campo, ed invece di farsi perdonare questo e disputare l’ultima di campionato davanti al proprio pubblico con una vittoria, ci lascia in eredità questo scempio, speriamo che almeno qualcuno non vada ad indagare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*