Le nostre PAGELLE: Roncaglia-Tomovic non sono proponibili. Ma anche Kalinic e Bernardeschi…

Tatarusanu: 5 Dargli colpe sul gol di Bacca è impossibile. Antonelli gli calcia addosso da due passi nel secondo tempo. Però l’uscita su Boateng in occasione del 2-0 rossonero dà il segno della sua incertezza.
Roncaglia: 4 E’ lì che il Milan trova spazio con facilità e crea superiorità numerica. L’argentino anche stavolta ha palesato difficoltà non indifferenti. Piazzamento totalmente sbagliato sul gol di Boateng tanto per completare l’opera.
Tomovic: 4,5 Pronti, via, e commette il grave errore di lasciare troppo spazio in partenza a Bacca. Poi, non contento, gli concede il destro con una facilità spaventosa. Il risultato scontato di tutta questa serie di errori è il gol del Milan.
Astori: 6 Anche la sua partenza non è un granché. Fortunatamente cresce con il passare dei minuti e regge abbastanza bene dalla sua parte.
Bernardeschi: 5 Non azzecca un dribbling che sia uno, rallenta spesso l’azione della Fiorentina. Ha una buona opportunità per pareggiare nel primo tempo ma, smarcato bene da Ilicic, cincischia anche nella circostanza, consentendo il recupero di un avversario.
Suarez: 5,5 Errori non ne commette molti, ma è anche vero che fa cose molto semplici che non spostano di un millimetro l’inerzia dell’incontro. Rossi: 5 Magari messo all’inizio avrebbe avuto più senso. A partita in corso, con la difesa del Milan totalmente schierata sulla linea dell’area di rigore, molto meno.
Vecino: 5 Nella prateria di San Siro si perde. Praticamente non si vede mai.
Alonso: 6 Peccato per il suo infortunio, perché era uno dei pochi ad aver dimostrato forza e gamba per poter spingere. Un paio di palle buone le mette in area, ma Kalinic non è più l’avvoltoio della prima parte della stagione e arriva in ritardo all’appuntamento col gol. Pasqual: SV.
Ilicic: 5,5 Due lampi come un assist per Bernardeschi e una gran palla al volo per Kalinic, all’interno però di una partita però sostanzialmente sottotono. Babacar: SV.
Borja Valero: 6 Uno dei pochi a provare a fare qualcosa. Si muove molto, tocca tanti palloni, si danna l’anima, senza avere grandi sponde nei compagni di squadra, se non Alonso.
Kalinic: 5 Un mese fa una palla come quella che gli è capitata nel secondo tempo, dopo l’assist di Ilicic, l’avrebbe messa all’incrocio dei pali. Ora per poco non è finita in fallo laterale. Lo stato di Kalinic è forse uno dei segnali che fa capire il momento non propriamente positivo che sta attraversando la Fiorentina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

51 commenti

  1. Io non ho mai criticato il mister e i giocatori nè oggi mi sento di farlo. Sono d’accordo con Ernesto e Marco i quali sciorinano le difficoltà di questa squadra. Non ho mai pensato ad una Viola che potesse vincere il campionato o andare in CL. Purtroppo la realtà è questa.
    Squadra mediocre con giocatori di fascia B. Ho sempre pensato che prima o poi i giocatori che avevano dato tanto nella prima parte del campionato avessero un calo fisiologico ed è avvenuto. Speriamo a un 5 posto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*