Le nostre PAGELLE: Saponara e quel tocco che illumina la giornata. Kalinic e la fotocopia Cagliari mentre Chiesa…

Tatarusanu: 5,5 Una partita in cui il Crotone crea poco o nulla. E così decide di complicarsi la vita da solo con un controllo sbagliato di piede ed un’entrata conseguente al limite del fallo su Falcinelli ed un’uscita di pugno disgraziata che per poco non costa un gol.
Sanchez: 5,5 Per un centrocampista di nascita impostare la palla dovrebbe essere il suo pane quotidiano, in realtà commette molti errori anche su passaggi banali.
Gonzalo: 6 Tanto uso delle mani perché non è una giornata facilissima con Falcinelli. A conti fatti diciamo che se la cava.
Astori: 6 Ci mette la testa nel vero senso della frase. Bene nel gioco aereo, un po’ più in difficoltà su palla bassa.
Chiesa: 5 Poco e quel poco neanche bene. Dà l’impressione  di essere in debito d’ossigeno dopo aver fatto due mesi e mezzo a duecento all’ora. Nessuna meraviglia nel vedere Sousa toglierlo per primo dal campo. Saponara: 6,5 Gli viene chiesta la giocata che possa sbloccare questa partita e puntualmente arriva perché è lui ad inventare un assist al bacio per Kalinic (bravo a sua volta a scavalcare Cordaz).
Badelj: 5,5 Può dare molto di più ed è una frase che sembra la costante della sua stagione. Maxi Olivera: 6 Mette una palla d’oro per Kalinic al 72′, il croato però fallisce da due passi. Comunque entra subito in gara.
Vecino: 5,5 Poco dinamismo, pochi inserimenti, forse resta sempre sullo sfondo l’equivoco tattico che lo riguarda. Sarebbe perfetto come interno nei tre, a due fa più fatica.
Tello: 5,5 Intendiamoci, brillante è brillante dal punto di vista fisico, solo che sbaglia tutte le scelte nel momento decisivo. Calcia alto da due passi al secondo minuto, non centra la porta dal limite dell’area pur essendo solo nella ripresa e soprattutto spreca un contropiede tre contro due, dopo aver saltato l’avversario diretto, per fare un piattino che finisce nelle mani di Cordaz. Meglio sicuramente a sinistra che a destra.
Ilicic: 6 Questo campionato dello sloveno è una pellicola in cui c’è una costante: crea le premesse per essere pericoloso, calcia magari anche bene…ma prende il palo. E così sono sei i legni colpiti dall’ex Palermo e in attesa di Dzeko conquista il primo posto in questa speciale classifica. Babacar: 5,5 Ci mette solo un po’ di confusione in più.
Borja Valero: 6 Sotto ritmo, ma per davvero stavolta si fa tutto il campo come corsa e ruoli. In questo caso non si può non premiare la generosità e il cercare di essere uomo-squadra.
Kalinic: 6 In una giornata in cui la Fiorentina palesa delle difficoltà a creare, gli capitano lo stesso almeno quattro occasioni nitide da gol (una delle quali davvero clamorosa al 72′) e il croato pensa bene di sbagliare tutto lo sbagliabile. Fino al 90′ quando trova il pallonetto vincente che dà i tre punti ai viola. Il bis, in tutto e per tutto (prestazione non positiva, ma giocata decisiva) di quanto visto contro il Cagliari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

24 commenti

  1. Tifolamagliaviola

    Forse la peggior partita dell’anno assieme a Roma. Tanti insufficienti tranne Inutilic, Kalinic e Saponara. L’Europa League sembra veramente impossibile, anche se Atalanta e Milan scoppiassero domani

  2. Pagelle per lo più condivisibili tolto il 6 a Ilicic che per me meritava un 5,5 e quello a Baba che meritava 5 .

  3. Gian Aldo Traversi Vivarelli

    Rqgioni di opportunità condivisibilissime, Stefano. Naturellement! Buon lavoro
    Grazie per la comprensione, un saluto a te Gian Aldo. S.D.C.

  4. supercannabilover

    sei occasioni gol con palo sono poche? io ci metterei la firma per averle in tutte le partite.. questione di punti di vista. Le statistiche in casa dell’avversario dimostrano che anche se giocano da cani e’ difficile segnatli in casa specialmente da quando sono tornati nel loro stadio (ma anche prima)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*