Le nostre PAGELLE: Tatarusanu al limite della perfezione, Chiesa davvero esagerato

Tatarusanu: 7,5 Sicuro tra i pali, bravissimo in uscita, stavolta ha davvero una marcia in più. Chiude benissimo su Pellissier lanciato a rete, tre volte dice no a Meggiorini.
Sanchez: 6 Non giganteggia come contro la Juve però il suo, al di là di un paio di circostanze, il suo lo fa sempre.
Gonzalo: 6,5 Dei tre dietro è quello che fa di più e meglio perché a qualche errore c’è da rimediare, in tutti i modi possibili e immaginabili. Il suo infortunio muscolare non è una bella notizia. Tomovic: SV.
Astori: 6 Nel primo tempo paga la mancanza di equilibrio da quella parte della formazione di Sousa. Nel secondo tempo non ha bisogno di strafare per presidiare la zona.
Chiesa: 7,5 E’ lui a subire il fallo che determina il calcio di rigore per la Fiorentina (poi trasformato da Babacar). Non si ferma neanche quando la partita volge alla fine e all’ultimo istante trova un gol davvero esagerato.
Badelj: 5,5 E’ forse a centrocampo che i viola fanno più fatica e costruiscono molto meno di quanto siano abituati a farlo. Il croato è apparso in difficoltà per un bel pezzo di gara e non molto ispirato.
Vecino: 6,5 Più dinamico rispetto ai compagni di reparto e anche concreto. All’ultimo tuffo confeziona l’assist per il gol di Chiesa.
Borja Valero 5,5 Si ritrova a fare incredibilmente l’esterno a sinistra nel primo tempo e non è certamente un ruolo che gli si addice. Il ritorno in una zona più consona per lui non corrisponde ad un cambio di passo.
Tello: 6 Stavolta qualcosa di buono la fa, ovvero ruba la palla a Dainelli e la mette dentro battendo Sorrentino in uscita. Ma la Fiorentina soffre maledettamente a sinistra, perché lui è troppo alto e Borja Valero non è un esterno. Probabilmente non erano quelle le indicazioni di Sousa, perché lo spagnolo viene sostituito all’intervallo. Maxi Olivera: 6 Il suo ingresso serve essenzialmente per riequilibrare la squadra. E da questo punto di vista diremmo che l’obiettivo viene centrato.
Bernardeschi: 6 Un’iniziativa personale buona ad inizio ripresa, una punizione forte ma centrale, per due volte impegna Sorrentino. Sufficiente ma non certo strabiliante come invece è stato altre volte. Cristoforo: 6 Crea densità a centrocampo, anche se non si fa vedere moltissimo.
Babacar: 6 Non è Kalinic, ma questo crediamo ormai ce l’abbiano ben presente tutti. Non lo è per caratteristiche personali, perché non partecipa alla manovra come il croato e non fa il suo pressing asfissiante. Bravo però dal dischetto dove ha guardato fino all’ultimo Sorrentino salvo poi spiazzarlo per realizzare il 2-0 viola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

21 commenti

  1. dobbiamo migliorare sotto l’aspetto della concentrazione, abbiamo concesso troppo e perso troppi palloni a centrocampo!! si deve e si può fare meglio!! ora vincere a napoli!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*