Le nostre PAGELLE: Un mago di nome Ilicic. L’incalcolabile valore di Badelj

Tatarusanu: 6,5 Fa il fenomeno su un colpo di testa sconsiderato di Astori. Il suo è un riflesso notevole.
Roncaglia: 6,5 Per una volta gioca con la testa dall’inizio alla fine e non fa passare neanche uno spillo. Preciso anche quando gioca la palla coi piedi.
Gonzalo: 5,5 Quando giochi contro un avversario come Gilardino non puoi dormire neanche per un istante. Lasciargli lo spazio per colpire di testa da due passi è un errore che costa carissimo.
Astori: 6 Lotta come un gladiatore, anche se di classe, perché la testa è sempre alta. Ma quella stessa testa rischia anche di battere Tatarusanu per quella che sarebbe stata una clamorosa autorete.
Bernardeschi: 6 Una giornata da esterno di posizione e non di spinta. In contenimento fa tutto bene anche perché non è facilissimo duellare con Lazaar (uno dei pochi giocatori interessanti del Palermo). A macchiare la sua prova c’è l’ammonizione che gli costerà la squalifica in vista della Lazio, francamente evitabile. Tomovic: 6 Non si vede molto, ma serve per cercare di bloccare i raid di Lazaar.
Badelj: 7 Contare quante palle recupera in tutta la gara è un esercizio impossibile. Così come è impossibile passarlo a metà campo.
Vecino: 6,5 E’ sempre molto bravo a trasformare l’azione da difensiva in offensiva. E’ tornato il suo dinamismo che avevamo visto meno nelle ultime gare dello scorso anno. Impegna Sorrentino con un bel destro da fuori.
Alonso: 7 Festeggia al meglio il rinnovo del contratto con la Fiorentina con un’ottima prestazione. In apertura subito una grande palla per Kalinic e occasione clamorosa fallita dal croato. Poi prosegue a spingere ed è sulla sinistra che la Fiorentina crea superiorità numerica e tanti pericoli per la retroguardia del Palermo. Chiude però in calando.
Ilicic: 8 Due reti di una straordinaria levatura tecnica. Tunnel, dribbling, segna di destro e di sinistro. In poche parole fa di tutto e di più e questo glielo riconosce anche il pubblico di Palermo che sottolinea ogni sua rete con prolungati applausi. Un mago. Blaszczykowski: 6,5 Un po’ in difficoltà appena entrato in campo. Chiude però la gara con una rete che sancisce il suo ritorno in squadra dopo un’assenza piuttosto lunga.
Borja Valero: 6,5 Sempre elegante e fa tutto con estrema classe. Si perde un po’ quando si arriva al dunque. Emblematica l’azione personale alla fine del primo tempo in cui con una finta manda al bar due avversari, poi però si intreccia col pallone e il tutto svanisce sul più bello. Ottima davvero la palla per il 3-1 data a Blaszczykowski.
Kalinic: 6 Crea i presupposti per poter colpire e affondare il Palermo ma fallisce un gol che sembrava fatto in apertura. Si rifà in parte entrando nell’azione del gol di Ilicic. E poi ha anche un’altra opportunità non sfruttata al meglio anche perché è ottima l’uscita di Sorrentino. Pasqual: SV.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

42 commenti

  1. 6,5 a Borja Valero…..forse ho visto un’altra partita (8 come minimo quantità e qualità per 95 minuti con assist delizioso al 92°)…..7 a Alonso ? si allora ho visto davvero un’altra partita per fortuna finita con lo stesso risultato (1-3). Forza Viola

  2. Ilicic? Tutti, chi più chi meno, lo abbiamo criticato, anche pesantemente. Ora ce lo ritroviamo solo grazie alla sua ostinata volontà di restare a Firenze. Dovremmo trarre qualche obiettiva conclusione in merito.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*