Questo sito contribuisce alla audience di

Le nostre PAGELLE: Un pezzo di finale è tutto di Neto. La strana partita di Cuadrado e che gesto tecnico per Pasqual

NetoGrasshopperNeto: 7,5 Bene tra i pali, con parate anche difficili come quella su Gabriel Silva, ma male in uscita, nel senso che non lascia mai la propria porta nemmeno con la palla a mezzo metro da lui. E in questo modo avrebbe risparmiato alla propria difesa anche molti imbarazzi. Poi il miracolo finale su Muriel e lì si riscatta di molte incertezze: un pezzetto di finale è tutto suo.

Diakitè: 6 Anche lui a due fasi, buono quando deve fare anticipi o interdizioni, ma litiga col pallone quando ce l’ha tra i piedi.

Gonzalo: 6 Rivedibile come posizionamento almeno nella circostanza in cui Di Natale colpisce il palo di testa. Ma lotta e dirige la difesa come se stesse bene (e non era certo al meglio).

Savic: 6,5 Calma glaciale e perentorietà di testa, certamente il migliore della retroguardia, ma anche lui è colpito dalla maledizione infortuni che colpisce quest’anno la Fiorentina. Compper: 6 Non perde la calma nel momento di maggiore pressione dell’Udinese.

Cuadrado: 7 Una partita strana per il colombiano, molto più apprezzabile per le chiusure e i recuperi difensivi, piuttosto che per le azioni d’attacco e i dribbling. Discorso valido fino a quando non scaglia un siluro sotto la traversa che non lascia scampo a Scuffet e fa esplodere il ‘Franchi’.

Aquilani: 6,5 Novanta e passa minuti da martello del centrocampo, con le buone o con le cattive, basta non passare.

Pizarro: 7 Pallone attaccato ai piedi, anche nel traffico e dove c’è il pallone è onnipresente. Quando è così non gli si può che fare un applauso. Tra l’altro le azioni di tutt’e due le reti partono dai suoi piedi. Sarà forse un caso? Ma anche no!

Mati Fernandez: 6,5 Attivo fin dall’inizio e con una gran voglia di tirare da ogni posizione. Mira rivedibile, dinamicità però costante.

Pasqual: 7 Anche per lui un gol meraviglioso e un gesto atletico e tecnico tutt’altro che banale. Basta questo per illuminare la sua prestazione e la serata della Fiorentina.

Joaquin: 7 Per un’ora è lo spagnolo a fare le cose più interessanti e a creare superiorità numerica. La sponda di testa per Pasqual è pregevole nonché di un’intelligenza calcistica con pochi pari. Vargas: SV.

Matri: 5,5 E’ forse l’unico arrancare, anche se trovarsi da soli contro un’intera retroguardia non è mai facile. E’ anche vero però che non prende mezzo pallone né di testa né di piede. Matos: 6 Si mette a rincorrere tutti e cerca di tenere palla. A tratti serve anche questo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. X Panamaviola – Eccomi. Ieri Aquilani, (5,5) insieme a Diakitè (5,5), è stato uno dei meno positivi. A mio giudizio peggio di Matri, il quale a suo discapito c’ è il fatto che non riceve mai la palla ed è costretto salire a centrocampo per cercare di giocarne una.

  2. Bravo sempre, Del Corona, ma qualche volta, specialmente quando si vince, diamolo qualche otto. E non facciamo come certa stampa fiorentina, malata di provincialismo, che i grandi voti li riserva sempre e soltanto ai giocatori delle “grandi” squadre.

  3. Concordo più o meno i voti dati , però si vede che noi siamo Valero dipendenti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*