Le nostre PAGELLE: Un Tello versione Barça, Mati irritante e decisivo. Le cause del flop di Babacar

Tatarusanu: 6 Attento su un colpo di testa ravvicinato di Dramè, Conti e Pinilla lo battono senza che possa fare qualcosa.
Roncaglia: 6 Quando è con la testa in campo riesce anche ad essere più efficace. L’unica volta in cui non è piaciuto è stato quando non ha concretizzato un rinvio agevole consegnando l’angolo all’Atalanta. In quella circostanza è nato l’1-2 momentaneo.
Gonzalo: 6 In generale attento, si addormenta però in una circostanza nel primo tempo, venendo anticipato da Gomez il quale spara fuori da due passi. Una circostanza che fortunatamente non è costata cara alla Fiorentina.
Astori: 5,5 Forse è il sole a giocargli un brutto scherzo sul gol di Pinilla dove va letteralmente a vuoto rispetto alla traiettoria della palla. Fino ad allora aveva giocato una partita onesta.
Pasqual: 6 Un paio di cross interessanti, ma più che altro una prestazione attenta in difesa. Gioca la sua personale partita contro l’arbitro che non gliene fischia una e lo punisce oltremodo per un fallo (?) su D’Alessandro.
Badelj: 6 In una fase, ovvero nello spezzare il gioco altrui, è andato piuttosto bene. Stavolta è un po’ mancato nella ripartenza dell’azione.
Vecino: 6 Uno di quelli che è partito piano e male, con molti passaggi fuori misura, ed ha finito nettamente in crescendo.
Mati Fernandez: 7 Per 67 minuti è uno tra i più nulli in campo. Poi però segna di testa (fatto più unico che raro) e manda in porta Tello con un lancio perfetto sul 2-0. Gol ed assist, due giocate decisive per le sorti dell’incontro.
Tello: 7,5 Il più fantasioso, il più continuo e il più pericoloso per la difesa dell’Atalanta. Dopo pochi minuti Dramè è costretto a spendere un fallo da cartellino giallo per fermarlo. Altre tre volte fa vedere di avere grande tecnica e velocità d’esecuzione. Poi il primo gol viola realizzato da Mati Fernandez di testa, dopo un cross, manco a dirlo, partito dai suoi piedi. Non contento fa anche centro dopo lancio di Mati e una fuga di una quarantina di metri. Tomovic: SV.
Bernardeschi: 6 Buone premesse, ma al momento di concretizzare, manca sempre qualcosa. Borja Valero: 6,5 Amministra bene il pallone in una fase in cui la Fiorentina doveva farlo. Poi accelera e serve un assist perfetto per la rete di Kalinic.
Babacar: 5 Ci sono un paio di letture per spiegare la prestazione deludente del senegalese. Da una parte il giocatore deve dare colpa a se stesso, perché indolente in fase di non possesso palla e poco reattivo nel fare un movimento a tagliare sul primo palo che dovrebbe essere pane quotidiano per un centravanti (leggasi palla bassa di Mati e Pasqual nel primo tempo). In parte può però anche lamentarsi con i compagni che, tranne nelle circostanze segnalate, non gli hanno fatto pervenire palloni giocabili. Kalinic: 7 Con il croato, l’attacco assume un altro peso. E poi finalmente rompe il digiuno di reti che durava dallo scorso dicembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

31 commenti

  1. Sul valore di Roncaglia i giudizi si sprecano , c’è un commento nel quale su auspica di bastonarlo. Io sto tranquillo. Sousa se ne frega delle pagelle e dei tecnici da strapazzo che sanno tutto. Decide lui e se lo fa giocare non è perché non ha di meglio ,ma perché sa quel che fa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*