Questo sito contribuisce alla audience di

Le nostre PAGELLE: Veretout, ci sei sempre tu! Babacar decisivo. Sanchez, ma come si fa?

Dragowski: 6 Il sogno di chiudere imbattuto la sua prima gara con la Fiorentina si interrompe al 38′, quando Barreto lo batte per la prima volta con un tiro ravvicinato sul quale non può fare nulla. Intuisce e per poco non para il rigore calciato da Ramirez. Poi viene salvato due volte dai legni della sua porta.
Gaspar: 5,5 Da quando gli è stato detto che sapeva solo attaccare e non difendere, praticamente non supera la metà campo. Una volta però si ritrova in buona posizione ma vanifica tutto con un cross basso fuori misura.
Pezzella: 6,5 Fa gridare al gol nel primo tempo quando vola di testa su azione d’angolo, ma la palla finisce di poco fuori. Là dietro è quello più sicuro.
Astori: 5 L’entrata su Ramirez che causa il rigore del momentaneo 2-2 è veramente ingenua e anche goffa, tale è il ritardo nell’intervento. Un fallo questo che condiziona il voto del centrale. Ma non è neanche perfetto sul primo gol della Samp, perché svirgola il rinvio e mette in pratica Barreto solo davanti a Dragowski.
Biraghi: 5,5 Sugli esterni non è una grande serata ed emergono alcuni limiti che già conoscevamo ma che a Napoli erano stati nascosti molto bene. Vitor Hugo: 6 Ruolo inedito per lui di terzino sinistro. Non è che zitto, zitto Pioli stia inventando una nuova collocazione per il brasiliano?
Benassi: 6,5 Parte molto bene servendo a Babacar un bell’assist: un lancio filtrante rasoterra e per giunta di sinistro. Poi meglio in fase di interdizione che di costruzione.
Sanchez: 5 Già non è tecnicamente un granché di destro, poi si ostina a provarci di sinistro con esiti comici. Non è Badelj, e lo sapevamo, ma siamo lontani dall’essere un centrocampista che possa giocare nella Serie A italiana.
Veretout: 7,5 Freddo, freddissimo, gelido dal dischetto, due conclusioni dagli undici metri che in sostanza proiettano la Fiorentina ai quarti di finale. Ma anche al netto dei rigori è sempre ben presente, molto reattivo e pronto a rincorrere tutto e tutti.
Chiesa: 5,5 Generoso sì, ma anche confusionario e poco incisivo.
Saponara: 6 Segnali di vita ce li ha dati e questo è già un dato importante per uno che ha giocato pochissimi minuti nel corso di questa stagione per tutti i problemi che conosciamo. Eysseric: SV.
Babacar: 7 La prima palla toccata la trasforma in oro battendo Puggioni con un destro da dentro l’area. Nella ripresa si guadagna il rigore del 2-1 confermandosi come uomo che può essere decisivo per la Fiorentina. Simeone: 6 Dinamico, attacca bene la profondità, ma spesso si complica la vita da solo. Come quando stoppa un pallone difficilissimo di petto in corsa in area e invece di calciare si concede un tocco di troppo, portando la sfera oltre la linea di fondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. mi veniva da ridere…
    su 70 minuti che è stato in campo è stato:
    45 minuti a chiacciere con pioli
    15 minuti al pascolo
    5 minuti in ginocchioni per i dolori (dice pioli che si è sentito male nel prepartita)
    5 minuti ha giocato al calcio – 1 gol (e che gol, da centravanti di razza) e 1 rigore procurato
    scusatemi, mi intendo poco di calcio, ma io uno così lo farei giocare sempre… e pace se l’allenatore si incazza o se non è bello da vedere. a calcio vince chi la butta dentro, altrimenti ieri passava la samp

  2. Emanuele, è da un po’ che lo dico. Tutti a prendersela con il Baba. Ma lui, a differenza di tutti gli altri, la possibilità di giocarsi un filotto di partite da titolare non l’ha mai avuta. Il carattere è quello che è, ma proprio il fatto di sentire la fiducia lo aiuterebbe. Invece entra come rimpiazzo oppure una volta ogni morte di papa come titolare. e deve essere l’occasione unica di mettersi in mostra, mentre chi gioca abitualmente può sbagliare tranquillamente partite su partite senza che nessuno dica niente. Quando ha avuto la fiducia di un tecnico (Modena) ha fatto bene. Io dico: abbiamo un centraventi VERO, che ha tutto della prima punta, e si dà via per tenere uno che forse ( e dico forse) in futuro diventerà davvero una punta centrale, e che adesso non lo è nemmeno dipinto ? mah…

  3. A mio parere il nostro attacco dovrebbe essere composto da Babacar al centro ed esterni Chiesa e Simeone. Tutti e tre capaci di crearsi spazi a vicenda inoltre i due esterni potrebbero coprire meno campo ed essere più lucidi sotto porta. Il Baba ne ha sempre due in marcatura perché se ti prende lo spazio non lo sposti, quindi più libertà per gli esterni

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.