LE PAROLE SONO PIETRE

Montella DinamoLe parole sono pietre. Spesso fanno anche più male.  se ne erano tirate troppe, ricucire era complicato, soprassedere insostenibile. Ad impossibilia nemo tenetur dicevano i latini (ancor prima di Lotito). La storia è finita nel peggiore dei modi. Non ci sono vincitori. Sotto una pioggia di bombe verbali sono rimaste solo macerie. Ha perso la società, costretta a licenziare un bravo e promettente allenatore e che ora sarà in affanno per sostituirlo e per allestire un mercato che abbia un senso logico. Ha perso il tecnico, che difficilmente troverà una piazza più ambiziosa, appassionata e tollerante di quella fiorentina. Ha perso la città coperta da una cappa di ridicolo più densa di quella abituale di smog.

L’esercizio di esaminare chi ha sbagliato di più, in una vorticosa rincorsa verso il baratro, non mi appassiona. La lista delle nefandezze che abbiamo ascoltato nelle ultime settimane è lunga e non concede esclusioni. Resta la constatazione di una profonda e pervicace incapacità dei Della Valle a farsi capire e ad entrare in sintonia con i tifosi. Sotto il profilo della comunicazione sono allo sbando. E saper comunicare non è un dettaglio. C’è anche l’amarezza di aver enormemente sopravvalutato Montella sul piano umano. Gli errori tattici si possono perdonare, i comportamenti subdoli un po’ meno.

Ora abbiamo il diritto ad avere tutti il giramento, sacramentare contro questo o quello (tanto i due partiti in città si erano già consolidati), andare a letto pensando che essere tifosi viola è una maledizione divina. Ma domani è un altro giorno.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

103 commenti

  1. Condivido tutto

  2. Condivido in toto l’articolo di Francesco Matteini e non aggiungo nemmeno una virgola tanto è veritiero il suo pensiero!

  3. Abbiamo bisogno di un nuovo allenatore e di un nuovo staff. la squadra ha perso tutto il possibile, dal 3 posto, alla finale di coppia Italia, alla finale di Europa League.

    Addio Montella !!!!

    Forza VIOLA !!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*