L’ennesima battaglia persa

capezzi

Quella tra Leonardo Capezzi e la Fiorentina rappresenta l’ennesima battaglia persa per la società dei Della Valle e l’ennesimo smacco ricevuto. I dirigenti viola si sono fatti cogliere per l’ennesima volta impreparati e hanno privato Paulo Sousa di una giovane pianticella, che poteva essere importante per il presente, ma soprattutto per il futuro. Capezzi ha fatto tutta la trafila delle giovanili alla Fiorentina e doveva/poteva rappresentare il futuro del centrocampo gigliato. E invece no, non potrà nemmeno provarci e dovrà dire addio al sogno di giocare con quella maglia con cui è cresciuto. La Fiorentina dimostra, per l’ennesima volta, di non essere capace di intervenire al momento giusto: il passato doveva servire da lezione per i dirigenti gigliati che, evidentemente, non sono riusciti a prendere spunto dagli errori commessi per migliorare. A proposito dei (mancati) rinnovi del contratto, sono due i casi che saltano subito agli occhi, ossia quelli di Riccardo Montolivo e Norberto Neto, persi a parametro zero e per i quali i dirigenti gigliati si sono messi in ritardo per il rinnovo del contratto. Così la Fiorentina subisce l’ennesima beffa, aggravata dal fatto che Capezzi proviene dal settore giovanile, e adesso alla società gigliata non resta che leccarsi le ferite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Per tutti quelli che dicono che Capezzi non vale 400 mila euro all’anno, qui non è in discussione il valore del giocatore, ma la politica aziendale. Se la società fosse stata seria, avrebbe fatto firmare, come fanno tutte le società, il giocatore prima di mandarlo a Crotone, ovviamente ad una cifra più bassa, e poi non ci sarebbero stati questi problemi, perchè la Fiorentina avrebbe avuto il coltello dalla parte del manico. In questo modo, a prescindere dal fatto che il giocatore valga o meno i soldi che chiede, tu sei con le spalle al muro, non mi pare difficile da capire!

  2. Siamo l’unica società che manda i giovani a “farsi le ossa” senza tutelarsi. La peggiore proprietà e, di conseguenza, la peggiore dirigenza che la Fiorentina abbia mai avuto, oltre la meno vincente. Le figure di m…. che inanella questa società sono in quantità industriale, si spegne l’eco per una e ne arriva subito un’altra. Qui non c’entra il valore del giocatore, che è discutibile e soggettivo, c’entra la strategia societaria. Semplicementi ridicoli!

  3. Io i Della Valle non li sopporto più,sono una ciurma di freddi incapaci imprenditori che dopo 15 anni non hanno ancora capito cosa sia il calcio: passione orgoglio appartenenza competenza amore per la città,i suoi abitanti e i suoi tifosi,amore e rispetto per i tanti tifosi sparsi in Italia e nel resto del mondo,toglietevi dalle scatole restituite la squadra a zero euro come l’avete presa

  4. societa ridicola

  5. Basta, non ne posso più di questi buffoni senza un briciolo di passione, meglio una proprietà meno ricca ma competente e passionale. Via i DV da Firenze, facciamo una petizione, non si può continuare così.

  6. viola a bestia

    Caro Rifondazione…noi s è buttato via milioni di euro per Gilberto l…Tino Costa e Benalouane…in effetti dare 400 mila euro a uno dei migliori under 21 d Italia cresciuto nel nostro vivaio e uno spreco…MA FAI FESTA!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*