L’entourage di Zarate va controcorrente: “Mauro via? No, sta bene a Firenze e Sousa lo considera”

Zarate in primo piano. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Della situazione di Mauro Zarate ha parlato a Lady Radio Luis Ruzzi, parte dell’entourage dell’argentino: “Vederlo protagonista con l’assist per Babacar con il Palermo è stata una liberazione, soprattutto per lui. Vive per il calcio, ha passato un momento difficile e adesso è felice di poter tornare al top. Spero però che adesso abbia più spazio per dimostrare tutte le sue qualità, non solo gli ultimi dieci minuti di gara. Rapporto con Sousa? Magari ci può essere stata una discussione nel momento più difficile, quando lui è tornato in Argentina perché ha ritardato di qualche giorno il rientro. Ma poi tutto si chiarisce, alla fine Mauro non si era mai trovato a vivere una situazione così difficile. L’allenatore però lo considera. Il ruolo? Zarate è uno di quei calciatori anarchici, che non devono essere ingabbiati in un ruolo o in uno schema, ma deve essere lasciato libero di giocare sul fronte offensivo e di inventare. Il futuro? Ho letto di voci che lo vedono lontano, ma non sono d’accordo. A Firenze sta bene, è molto legato ai compagni. Certo, vorrebbe giocare di più e forse con un suo inserimento nelle partite con Atalanta, Milan o Inter la Fiorentina poteva avere qualche punto in più”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. tonino il ciociaro

    Il problema è la permalosità dell’allenatore io spero rimane così il prossimo campionato con il nuovo mister sicuramente sarà sfruttato in pieno

  2. Fracazzo da Velletri

    Invece che agli arbitri,dobbiamo alla permalosita’di Sousa ,almeno 5/6 punti!!!

  3. Con Zarate in campo la classifica sarebbe diversa…..chissà se Sousa lo capisce

  4. Testa al campo e lavorare.

  5. Ripeto quanto scritto PRIMA dell’ultima partita: Zarate adesso ha una marcia in piu.
    Ossia: è il nostro asso nella manica.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*