Lepad: “Wolski era una delle promesse più belle in Polonia ma ancora non ho perso le speranze. Spero che torni alla Fiorentina”

A Radio Blu il giornalista di Polsat Sport, Marcin Lepa, tranquillizza l’ambiente gigliato sull’arrivo dei tifosi del Lech e parla anche di Wolski, tutt’ora in prestito al Mechelen: “Rafal è un giocatore molto forte dal punto di vista tecnico, però forse non ha fatto il passo decisivo nel calcio dei grandi, dal punto di vista fisico, tattico e mentale. Si è fermato ad un certo punto, dopo essere stata una stella della squadra giovanile della Polonia e non ha fatto il salto decisivo. In teoria era, insieme a Zielinski, uno dei talenti più importanti del calcio polacco. Entrambi sono molto bravi tecnicamente ma mancano loro fisicità e forza mentale. Sarei molto contento se Wolski potesse tornare alla Fiorentina, non lo do per perso ancora. Sarebbe anche un grande acquisto per la nazionale polacca, che sta cercando un giocatore creativo da mettere alle spalle di Lewandowski. Tifo pericoloso? Ci sono due-tre club in Polonia che hanno hooligans pericolosi. Bisogna ricordare però che sono un centinaio di persone su quindicimila che vanno allo stadio per cui, se ben controllati, sono accerchiabili. Ritardo del Lech? Tutta la giornata trascorsa in aeroporto o in viaggio, non è facile da sopportare e costa energie. L’ho verificato anche seguendo la nazionale di pallavolo, che durante gli europei in Bulgaria si è dovuta spostare in pullman e le 9 ore di viaggio poi sono costate quasi 24 ore di recupero”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA