Questo sito contribuisce alla audience di

L’eredità di Alonso e Pasqual: è pronto il nuovo restyling

Dopo un’annata poco soddisfacente sulla fascia sinistra, la Fiorentina è pronta ad un nuovo restyling, che andrebbe inevitabilmente a sottolineare le lacune del mercato precedente: partito Milic, con un Olivera che ha convinto molto poco in questo pre campionato, Corvino sta cercando il doppio colpo mancino. Da un lato Strinic, terzino autentico, dall’altro Laxalt, esterno jolly ma più offensivo che difensivo. Sarebbero due colpi in grado forse di raccogliere l’eredità di Marcos Alonso e Pasqual, due elementi che da quella parte facevano dormire sonni tranquilli, o almeno più tranquilli degli attuali, a Montella prima e a Sousa poi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Veramente la Fiorentina ha preso caterve di gol a sinistra,zona di pertinenza di Pasqual di cui non ricordo una diagonale difensiva,Prandelli,disperato,si inventó Gobbi e Jorghensen terzini sx,in compenso era un buonissimo ragazzo,come Tomovic

  2. Anche l’acquisto dello stesso Salah all’inizio non fu preso molto bene da vari tifosi fiorentini, perché prendevamo un egiziano (come se l’Egitto fosse terzo mondo calcistico) ed una riserva del Chelsea (come se noi potessimo permetterci i titolari del Chelsea)!

  3. Certo Antonino, ma ti ricordi come venne accolto Alonso? Il primo anno erano insulti e fischi e la Fiorentina lo mandò un anno in Premier League, in modo che potesse giocare tranquillo e migliorare,
    E comunque molti tifosi si sono accorti di Alonso e di che giocatore era solo quando è andato via.

  4. È una delle emergenze ma non è l’unica. Bisogna rendere la rosa completa e competitiva subito.

  5. Con Prade (sebbene l’uomo nero) eravamo fortissimi sulle fasce (Cuadrado, Alonso, Joaquin, Salah) ma poi arrivò Corvino e allora Diks, Gilberto, Gaspar, Olivera, Milic, Toledo, …
    Naturalmente non ho inserito Bernardeschi e Chiesa, prodotti locali diventati importanti grazie a Sousa che però non andava bene alla società, stampa locale e certa tifoseria … perché vincente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*