L’esigenza di vendere e poca gente con cui soddisfarla ma niente drammi

La realtà dei fatti dice che la Fiorentina dovrà fare massimamente di necessità virtù sul mercato, andando a vendere per poter accrescere il budget a disposizione. E nella rosa viola non sono molti coloro ad avere mercato, vuoi per l’età avanzata, vuoi per la situazione contrattuale o per un rendimento ultimamente non proprio eccellente. Tra questi, pur considerate le difficoltà degli ultimi due anni, c’è sicuramente Mario Gomez, che comunque non vale più la cifra che pagò la Fiorentina nel 2013. Un altro è naturalmente Savic, giovane, integro e continuo da quando giunse a Firenze tre ani fa. Il terzo che viene in mente è paradossalmente Ilicic, visto il finale roboante di stagione e l’età ancora piuttosto “verde”. E’ chiaro che perdere uno di questi potrebbe far dispiacere a qualcuno (meno ad altri) ma è un po’ l’esigenza che si impone quando c’è da rifondare una squadra: nel 2012 fu la volta di Gamberini e Behrami, sembrava l’inizio della fine ed invece da quelle macerie (e da quei soldi) nacque una Fiorentina entusiasmante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA