Questo sito contribuisce alla audience di

Lettere al direttore

Avete domande sulla Fiorentina , considerazioni, consigli sulla formazione gigliata, richieste, proteste, segnalazioni sulla squadra viola?
Scrivete al Direttore di Fiorentinanews.com Stefano Del Corona che vi risponderà prima possibile.

Le e-mail più interessanti verranno pubblicate sul quotidiano online Fiorentinanews.com o nelle trasmissioni radiofoniche curate dalla redazione di FiorentinaNews.com

[contact-form to=’stefanodelcorona@fiorentinanews.com’ subject=’Lettere al direttore’][contact-field label=’Nome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’E-mail’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Sito web’ type=’url’/][contact-field label=’Contenuto della lettera’ type=’textarea’ required=’1’/][/contact-form]

Attraverso l’invio del presente form accetto la pubblicazione e la diffusione dei dati immessi nell’osservanza della legge sulla privacy. Autorizzo inoltre l’eventuale pubblicazione degli scritti.

45 commenti

  1. Buonasera Direttore;
    Volevo scrivere questa lettera in merito ai giocatori in scadenza nel prossimo 2019, data la poca possibilità economica dovuta ai nuovi regolamenti societari e le scelte si fanno ristrette, ma il calciomercato offre possibilità interessanti specialmente la tanto proclamata “Italianizzazione” della squadra ormai annunciata qualche stagione fa, mai come questa estate offre nomi interessanti o giocatori in attesa di rilancio.
    Difesa: questo reparto offre giocatori che hanno molta esperienza in Serie A come l’ex capitano nerazzurro Andrea Ranocchia (anche se l’ingaggio non è proibitivo visti i 2,5 milioni di stipendio), il pluricampione Andrea Barzagli della Juventus, Ignazio Abate del Milan e il veterano Marco Andreolli oggi centrale del Cagliari. Sicuramente fuori mercato il Terzino destro Matteo Darmian (classe ’90 scuola Milan, ex Torino) poi vi sono gli altri “Italians” Luca Caldirola (centrale ’91, 31 presenze Italia U21, poco utilizzato a causa di un infortunio la stagione scorsa) e Giulio Donati (Terzino destro ’90, 24 presenze Italia U21) entrambi scuola Inter ed emigrati in Germania (Caldirola al Werder Brema e Donati al Mainz) e ora in attesa di una chiamata in Serie A; entrambi con esperienza internazionale. Tra gli “Italians” vi è una futura promessa che gioca nel Manchester United U23 che si chiama LUCA ERCOLANI, di anni 18 e già 2 convocazioni nella Nazionale U20 italiana, centrale di difesa alto 184 cm e molto promettente, anche lui in regime di svincolo.
    Centrocampo: sicuramente è impensabile poter convincere Daniele De Rossi a sposare la causa viola (basta vedere la scelta “russa” di Claudio Marchisio) e sarebbe altamente improponibile contattare l’ex capitano Riccardo Montolivo, a centrocampo si svincola Andrea Bertolacci, attualmente in forza al Milan ed era nel giro delle Nazionali (7 presenze U21 e 5 presenze Nazionale maggiore), la promessa mancata, in attesa di rilancio Josè Mauri (sempre al Milan, con appena 6 presenze) e i veterani Luca Cigarini e Simone Padoin (entrambi al Cagliari).
    Attacco: Fuori budget e anche fuori età Graziano Pellè, molto fuori età anche Alessandro Matri – Sergio Floccari – Fabio Quagliarella. Il più interessante degli attaccanti è l’eterna scommessa Mario Balotelli, un classe ’90 con molto talento, ma anche un comportamento discutibile, sempre monitorato dal CT Mancini, suo mentore, dotato di una elevata tecnica e ad oggi molto maturato rispetto al suo passato; offre un curriculum interessante quanto internazionale, sarebbe un colpo ad effetto mediatico e con molta pubblicità a favore della Fiorentina, specialmente dovesse fare un campionato di alto livello. Poi vi sono due atleti non molto blasonati ma che meriterebbero una occasione in una società più ambiziosa delle loro attuali (Cagliari e Frosinone) ossia Marco Sau e Daniel Ciofani, entrambi ottimi giocatori d’area di rigore e altrettanto prolifici sotto porta.
    Svincolati attuali: oltre ai molti ex viola come Giuseppe Rossi, Alberto Aquilani e Aleandro Rosi; ci sarebbe il curioso caso di Gianluca Gaudino. Centrale di centrocampo classe ’96, scuola Bayer Monaco e dotato di ottime qualità calcistiche che impressionarono allora il mister Pep Guardiola a farlo giocare in prima squadra, concedendogli 8 presenze in Bundesliga nella stagione 2014-2015. L’anno successivo fece il doppio delle presenze nella squadra riserve e nella stagione 2016-2017 ne fece 33 in prestito alla formazione elvetica del San Gallo. Lo scorso anno venne acquistato dal ChievoVerona dove però non riuscì a convincere Rolando Maran e nemmeno Lorenzo D’Anna; e, nell’ultimo calciomercato, si svincolò. Io sono di Verona e spesso vado a vedere le amichevoli estive, soprattutto quelle del ChievoVerona; non ci vuole molto a capire che c’era un giocatore molto tecnico e interessante come Gaudino, forse un po’ acerbo; ma in una squadra così giovane (la più giovane d’Europa tra l’altro) e con la cura di Mister Pioli, sarebbe un affare a costo zero che andrebbe portato subito a segno. Bisognerebbe ingaggiarlo subito, magari con un provino, e farlo allenare con la squadra in attesa di poterlo tesserare (Lo spero molto).
    Spero sia pubblicato l’articolo, grazie mille Direttore e Sempre Forza Viola!

  2. a che ora gioca la primavera al galluzzo?

  3. luciano cherubini

    i bergamaschi anno ben poco di cui lamentarsi,si vede che anno la memoria molto corta,provino a ricordare cosa è successo il campionato scorso proprio al Franchi…dovrebbero solo vergognarsi assieme al porco di nome MAZZOLENI

  4. buon giorno Direttore, siamo tutti molto inclini nel dire che il rigore affidatoci ieri fosse,inesistente o quanto meno estremamente generoso. Chiesa INCIAMPA priam del contatto con Toloi che poi lo travolge.
    Ma il punto su cui nessuno si sofferma è che una azione analoga ma con molte piu probabilità nell’assegnazione del penalty,ovvero l’azione su Miralles,chi cui nessuno parla,di cui nessuno parla di errore ed è come se ogni azione dopo il presunto fallo su Chiesa non abbiano piu valenza o addirittura sembrino azioni fantasma. Invece bisogna implementare che gli errori dell’arbitraggio sono stati molteplici,non un unico caso isolato. Oltretutto significa che l’Atalanta non solo è stata sterile,ma non ha mai avuto la forza di poter ribaltare un episodio negletto,come invece era riuscito a Milano alla Fiorentina.

  5. luciano cherubini

    risiamo alle solite,mazzoleni andrebbe …….. sul prato di s.siro,e con lui tutti i vertici del calcio,comprese le società di milano,puntualmente veniamo derubati da quei ladroni,Spalletti dovrebbe vergognarsi sono giorni che continua ha piangere,è stato accontentato.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.