L’evoluzione di Vecino: da partente a intoccabile

Vecino Barcellona

Si può già tracciare un piccolo mini bilancio di questo avvio di stagione, giunti alla seconda pausa delle nazionali; un bilancio sui singoli protagonisti dello spettacolo messo in atto fin qui da Sousa. Uno dei fulcri e delle note maggiormente positive è rappresentata certamente da Matias Vecino, centrocampista che la Fiorentina ha comprato in Uruguay per i classici “due spiccioli” è che ha saputo far maturare in provincia. Quindi il rientro alla base, dove però lo spazio per lui non ci sarebbe stato probabilmente se alla guida della squadra viola fosse rimasto Vincenzo Montella. Questione di interpretazioni diverse del modo di fare calcio, non certo una bacchettata all’ottimo tecnico campano. Con Sousa invece Vecino ha trovato un vero e proprio idillio, oltre ad un sistema di gioco ideale per le sue caratteristiche. Non a caso il Napoli avrebbe fatto follie per lui la scorsa estate ma la Fiorentina ha saputo dire di no ed ora si gode un calciatore con le stimmate dell’intoccabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA