L’ex bimbo prodigio fuggito dalla Fiorentina

Sono passati ormai diversi anni da quando Pierluigi Gollini, professione portiere, ha deciso di lasciare la Fiorentina per andarsene al Manchester United. In quella circostanza Pantaleo Corvino, allora responsabile del settore giovanile viola (oltre che direttore sportivo della prima squadra), dette davvero in escandescenza, gridando al furto. Ma c’è da dire che poteva andare peggio alla Fiorentina, perché i ‘Red Devils’ avevano provato a lusingare e a prendere anche altri tre giocatori, tra i quali Federico Bernardeschi, che poi decise fortunatamente di rimanere. Tornando a Gollini ha fatto un certo effetto vederlo in campo con il Verona. Mandorlini ha deciso di lanciarlo come titolare viste le difficoltà di Rafael, ma c’è da dire che la sua scelta non è stata completamente azzeccata. L’ex bimbo prodigio ha combinato, in collaborazione con il compagno Marquez, un pasticcio mica da ridere in occasione del primo gol viola. Prendiamola così, è stato una sorta di risarcimento per il danno provocato a suo tempo al club dei Della Valle.

© RIPRODUZIONE RISERVATA