Questo sito contribuisce alla audience di

L’idillio perfetto dell’attacco

Prima Babacar, poi Kalinic. Entrambi interpellati da vari organi di stampa si sono espressi in termini più che positivi sulla loro concorrenza e lotta per il posto da titolare nell’attacco viola. Il croato per ora sta trovando più spazio ed apprezzamenti ma il senegalese ha forse anche maggiori margini di miglioramento, visti i cinque anni in meno sulla carta d’identità. Aldilà delle frasi di circostanza, è una situazione questa che pare realmente idilliaca se poi si vanno a vedere le prestazioni dei due: è rarità infatti, almeno in questa prima parte di stagione, che quello che tra i due viene scelto resti a secco durante i novanta minuti. Che sia campionato o Europa League, la Fiorentina ha ricevuto in dote i gol di entrambi e tutto ciò con l’aggiunta di un ottimo e costruttivo rapporto che si sta costruendo tra i due. Meglio di così per Sousa era difficile chiedere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA