L’imminente arrivo di Corvino e un piano d’azione tutto da sviscerare…

Corvino4

Una cosa è certa: chiudere il rapporto con il direttore sportivo alla fine di Maggio è sicuramente una mossa rischiosa e una scelta che dà adito a tanti dubbi. L’addio di Daniele Pradè, uno dei pochi uomini di calcio presenti nella società, non può non lasciare molto sorpresi; è pur vero che il potere decisionale del ds romano stava diventando sempre minore col passare del tempo. La Fiorentina si prepara al ritorno di Pantaleo Corvino e il pensiero va subito agli ultimi opachi 3 anni trascorsi con il pugliese al timone; Corvino è senz’altro uomo astuto, navigato,  che è stato capace di regalare anche picchi altissimi alla città di Firenze. La sua abilità nelle cessioni e la sua capacità di regalare le tanto agognate “plusvalenze”  (Jovetic, Ljajic, Nastasic) hanno permesso alla Fiorentina di ottenere grossi introiti. La speranza è quella di riuscire a vedere più “Ujfalusi” che” Vanden Borre“. L’ex direttore sportivo del Bologna ha dimostrato di saper realizzare squadre di livello se lasciato libero di lavorare. Resta da vedere quali saranno le intenzioni di Diego Della Valle, l’uomo da cui dipendono maggiormente le sorti della Fiorentina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. X Maffe,vuoi parlare di una famosa plusvalenza di Corvino?Melo venduto x 25 mil in cambio di:Marchionni 4,5 più 4 anni di contratto a 1,7(lordo 3,4)Zanetti 2,8 più 1,9 (lordi 3,8)per 2 anni più un terzo se necessario.Fai due conti e poi dimmi se Melo ha generato una plusvalenza

  2. Gli ultimi opachi tre anni citati nell’articolo sono arrivati quando i Della Valle hanno smesso di allargare la borsa e introdotto il fair play finanziario, prima vendere e poi comperare; le disponibilità erano esigue, perchè Corvino non poteva vendere tutta la squadra, così con i pochi soldi raccimolati doveva fare il mercato…questo nessuno lo dice o se lo ricorda?

  3. Qualche esempio su una tipologia di operazione sbagliata che secondo me è stata causa dell’allontanamento di Pradè : IL PRESTITO poderoso

    Kuba Blaszczykowski (classe 1985)_ prestito oneroso con diritto di riscatto:
    1 milione di prestito oneroso
    1.3 milioni di stipendio
    6 milioni per il riscatto
    Risultato: 2.3 milioni spesi, in mano niente.

    Tino Costa (classe 1985) _ prestito oneroso con diritto di riscatto (6 mesi)
    0.5 milioni di prestito oneroso (6 mesi)
    0.7 milioni di stipendio (6 mesi)
    1.5 milioni per il riscatto
    Risultato: 1.2 milioni spesi per averlo 6 mesi, in mano niente

    Sepe _ prestito oneroso senza diritto di riscatto
    0.75 milioni di prestito oneroso
    0.25 milioni di stipendio
    0.75 milioni il premio valorizzazione da parte del Napoli in caso di tetto presenze
    Risultato: 1 milione speso, in mano niente

    Benalouane (classe 1987) _ prestito odoroso con diritto di riscatto (6 mesi)
    0.250 milioni di prestito oneroso (6 mesi)
    0.4 milioni di stipendio (6 mesi)
    6.5 milioni per il riscatto
    Risultato: 0.65 milioni spesi per averlo (rotto) 6 mesi, in mano niente

    Abbiamo nel corso dell’anno speso 5.15 milioni (che poi lordi diventano .. ) per avere 4 giocatori a gettone. In pratica li abbiamo buttati al vento dato che ora è estate e in mano non abbiamo niente. Dobbiamo investire altri soldi per riempire i buchi di rosa.

    Lo stesso conto sui prestiti onerosi dei giocatori delle scorse stagioni fa venire la pelle d’oca. Basta pensare a Micah Richards che di ingaggio prendeva più di 4 milioni (4.5 mi pare) e il City prendeva 1 milione per il prestito.

    A parte Benaluane che se in forma non è un brutto giocatore, Kuba e Costa dubito sarebbero mai stati riscattati perchè sono del 1985 e dunque non rivendibili a benzina esaurita.

    In pratica, il prestito poderoso svuota la cassa delle plusvalenze faticosamente ottenute e svuota la rosa di giocatori.

    Se non ci fossimo trovati tra le mani Bernardeschi e Babacar, di che livello sarebbe la rosa attuale ? quale prospettiva ?

  4. Con questa decisione abbiamo definitivamente capito chi comanda in Fiorentina.

  5. Più tempo passerà perchè sia preso il nuovo D.S. chiunque esso sia, più scusanti avrà la proprietà dato che avrà meno tempo a disposizione per fare calciomercato e portare i calciatori chiesti da Sousa a Firenze….
    Questa volta però mi sa che pochi fiorentini cascheranno nelle solite chiacchere di questa proprietà, niente fatti tante scuse niente abbonamenti rinnovati….
    meno titoli sui giornali per i proprietari se non in negativo che non serve per la pubblicità personale!!!!
    Della Valle VEDENTE è finito il tempo della pubblicità!!!!

  6. Ma siete sicuri sicuri che sia “imminente”? Non che sbavi all’idea di rivederlo qua, tutt’altro, ma su un altro sito parlano di “altri dieci giorni” (!!!!!!!!!!!!!!!) per la nomina del nuovo d.s…. Voi che notizie avete?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*