Linea verde ok, ma la produzione propria e la linea tricolore dove sono?

Fiorentina Esordienti

Le ipotesi di mercato che circolano in questi giorni, più insistenti di altre, intorno alla Fiorentina, indicano la scelta della “linea verde” come primo obiettivo. Più che condivisibile…All’orizzonte c’erano però altri due obiettivi: una italianizzazione della rosa e, soprattutto, un completamento delle tante caselle vuote relative a giocatori “prodotti” in Italia (quattro) e nel proprio settore giovanile (altri quattro). Su questo fronte tutto sembra apparentemente fermo. Anzi, Babacar è in vendita e Capezzi non è stato riscattato…

Leggi l’articolo completo su Violaamoreefantasia.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Gli italiani costano cifre spropositate e questa storia delle rose che devono avere obbligatoriamente italiani è l’ennesimo favore alle solite note che agiscono attraverso squadre satelliti (la juventus tramite il Sassuolo o il Milan tramite il Genoa). Le cifre degli italiani sono assurde. E poi smettiamola di considerare giovane gente di 23, 24 anni. A quell’età se sei buono sei gà titolare in serie A e se sei un campione sei già in nazionale. Verratti (classe 1992) all’età di Faragò, Capezzi e compagnia faceva già il titolare al PSG ed aveva già esordito in nazionale, De Sciglio (classe 1992) ha giocato da protagonista un Europeo, Donnarumma fa il portiere titolare nel Milan relegando in panchina un certo Diego Lopez. A 18/19 anni si è giovani a 23/24 si è giocatori fatti.

  2. Probabilmente:
    1. La Fiorentina non ha “amici” nel mercato italiano, basti pensare alla Juve che prende tutte le promesse a prezzi ragionevoli, o al Milan che compra Bonaventura alla metà del prezzo che ti avevano chiesto, o all’Empoli che vende a chiunque ma non a noi;
    2. Le giovanili servono solo a fare cassa (poco ma meglio di niente) perché i giocatori sono valutati non all’altezza di competere per l’alta classifica.

  3. Ok Green, mi fido non li ho mai visti così da vicino come te. Se sono forti come dici credo che Corvino un pensierino ce lo farà, certo se c’è anche il Genoa in lizza non credo che potranno sparare cifre esagerate, e poi anche i giocatori potranno far sentire la loro voce, ma ho l’impressione che se ne sia già parlato troppo e il nostro direttore non è propenso a tanta pubblicità.

  4. Fiore63…
    Ahimè su questo hai ragione…
    In alcuni casi i prezzi sono veramente spropositati…
    Io spero che per Corvino i due giocatori Martella-Ferrari siano veramente obiettivi concreti.
    Forse spetta il momento opportuno per sferare l’attacco decisivo…

    Faragò a me piace ma poniamo che la Viola decida di puntare su altri in quei ruoli…

    Ma Martella-Ferrari sono due giocatori che secondo me con 5 milioni di € più una-due contropartite puoi portare a casa al momento giusto…

    Quest’anno sono stati MOSTRUOSI in Serie B ed anche in Coppa Italia contro il Milan dei TITOLARI DI Mihajlovic sono risultati i migliori insieme a Budimir…

    Un TERZINO/ESTERNO SINISTRO, ITALIANO, GIOVANE, FORTE FISICAMENTE, ESPERTO e che fa 3 gol e 8-10 assist in Serie B…
    Come fa a non piacere anche all’estero a società come il Lione (che giocherà la Champions League) o Lille (che giocherà l’Europa League)?

    Poi vogliamo parlare di Ferrari?
    A lui a parte noi sono interessati società come Torino, Genoa e Sassuolo (ed in parte Juventus e Inter)!
    Ricorda molto Rugani ma con più fisico e cattiveria agonistica…

  5. Mi esprimo solo con un esempio.Dichx 2.5 milioni.Zappacosta dello stesso valore di Diks richiesta 10 milioni

  6. @green, non c’è che dire sei molto preparato in materia, però poi se vado a chiedere Farago e mi chiedono quanto uno che fa il titolare in una nazionale all’europeo, se mi informo su Ferrari e mi sparano cifre da giocatore che ha già fatto 50 presenze in serie A e via dicendo, capisci che non si va da nessuna parte. Ma secondo te Scuffet costa quanto Dragovskj? Ad majora

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*