L’inversione di tendenza da chiedere a Sanchez

Carlos Sanchez

Quasi tutti coloro che conoscono, o che hanno seguito, Carlos Sanchez nel corso della sua carriera raccontano di un calciatore che ha sempre dato il meglio di sé con la maglia della sua nazionale, quella colombiana, piuttosto che con i club. Con i cafeteros per altro Sanchez ha superato ampiamente le 60 presenze, in un contesto molto talentuoso negli ultimi anni; fortuna inferiore dal punto di vista del rendimento tra Valenciennes, Elche ed Aston Villa, con cui è retrocesso la scorsa stagione. L’auspicio naturalmente è che il colombiano possa dedicare al club, la Fiorentina dunque nello specifico, il meglio di questa sua fase della carriera, venendo meno al trend che lo ha caratterizzato finora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Riello viola , te sei troppo ottimista se Sanchez nella sua carriera ha giocato in squadre che lottavano per non retrocedere un motivi ci sarà se poi vuoi passare per buono questo acquisto contento te , io rimango della mia idea che abbiamo preso la copia di Bolatti.

  2. … boh … stiamo a vedere … che poi sia buono (come scrive Riello Viola) è tutto da confermare … Al campo il giudizio!

  3. Non è un fenomeno, ma è un buon cagnaccio di centrocampo che all’ occorrenza sa fare anche il difensore, un giocatore con queste caratteristiche a Firenze mancava dai tempi di Beherami !!

  4. Se ha 30ni non è cambiato non cambia certo ora son curioso quante partite gli farà fare Sousa scommetto che vedrà molte panchine nel suo futuro .

  5. E un altro buono ( Sanchez ) è arrivato, ora aspettiamo per Corluka e Caceres, se non cedono nessuno dei pilastri dello scorso campionato, potremmo avere una signora squadra e puntare almeno all’ EL.

  6. A che ora arriva? Le visite oggi? Grazie in anticipo, redazione
    Le visite dovrebbe svolgerle stasera o tuttalpiù domattina. Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*