L’ombra di se stessi: Sogno e passione d’una città intera.

Se “sognare” distinse Firenze e i fiorentini dalle altre città e i loro abitanti, questa peculiarità, oggi, viene meno visti i risultati della Fiorentina. Non si ricerca più il bello e forse sarà sbagliato, ma il popolo viola è diventato ombra di se stesso, come se oramai non dovesse né chiedere e né tanto meno chiedersi niente. Infatti, andare allo stadio ha perso fascino e divertimento. Infine non è stata ancora notata un’altra peculiarità unica, che continuerà a rappresentare sempre la linfa vitale di questa piazza, cioè la “passione”: essa fece e farà avverare l’impossibile, aspettando e lottando nell’esasperante fatica, fino a quando, alla fine, il sogno diverrà realtà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*