L’ora delle decisioni drastiche

Lemina Badelj

Dalla partita di Torino sono emersi diversi problemi, sotto il profilo del gioco globale ma anche per le prestazioni deludenti di alcuni singoli, che purtroppo vanno avanti da qualche settimana. Ilicic ad esempio ha offerto il suo lato migliore finora solo contro il Chievo, fallendo quasi tutte le altre prove; discorso simile per Badelj che, gol con la Roma a parte, è nettamente al di sotto del rendimento che lo aveva resto uno dei centrocampisti più importanti dello scorso campionato. La delusione maggiore insomma è arrivata da due punti fermi della prima Fiorentina di Sousa e potrebbe anche portare il tecnico viola a prendere delle decisioni drastiche, dando loro magari qualche turno di riposo: d’altronde per risollevarsi dalle difficoltà la strada migliore è sempre quella di affidarsi agli elementi più in forma, rosa di cui purtroppo non fanno parte i due balcanici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Io farei giocare Chiesa,dopo la bella partita disputata a Torino(Juve),almeno corre e non e’ spompato,soprattutto mentalmente.Babacar,di questi tempi,deve assolutamente giocare.Zarate deve giocare perche’ fantasioso e,qualche turno di riposo a Kalinic,dietro Salcedo al posto di Tomovic.Quindi Sanchez,Milik,Oliveira e Salcedo fissi in campo,sono gli unici che possono dare compattezza alla squadra e Sousa deve sistemarli,piu due punte in avanti sempre.Per il momento fuori Ilicic e Borja.

  2. re correggi e

  3. È Borja? Ma nessuno si accorge, accecato da favorevole pregiudizio, che sono ormai troppi i mesi in cui lo spagnolo ha finito di essere protagonista fino a diventare un peso? Corre come un disperato per il campo frena il gioco, perde palla o addirittura serve gli avversari( ieri ha lanciato jago falque) e quando va di lusso appoggia al compagno a tre metri da lui . Tradotto: inutile re dannoso

  4. Infatti tutti i senatori via insieme a Sousa

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*