Lucchesi a FN: “La classifica della Fiorentina mi colpisce ma è strameritata. Le squadre non si fanno con le figurine e Pradè lo sa bene”

Colonna dirigenziale della prima Fiorentina targata Della Valle, Fabrizio Lucchesi ora si ritrova a fare il Presidente del Pisa, che però non perde di vista naturalmente le sorti della squadra viola, come confermano le sue parole a Fiorentinanews.com.

Avvio di stagione ottimo per la Fiorentina, c’è qualcosa che l’ha colpita di più?

“Devo dire che la cosa che mi ha colpito di più non può che essere la classifica perché nessuno di noi poteva pensare ad una posizione così ridente. Ci tengo a sottolineare che tutto quanto è arrivato è assolutamente meritato e giustificato dalle prestazioni sul campo. Non mi sembra che la Fiorentina infatti abbia portato a casa risultati frutto di prestazioni mediocri o abbia rubacchiato partite. I meriti ovviamente vanno tutti alla squadra, all’allenatore ed alla società”.

Ha cambiato anche lei il suo giudizio sul mercato viola, come molti hanno fatto?

“Non mi piace dare giudizi sui colleghi. Ho imparato sulla mia pelle che i giudizi sul mercato non si danno d’estate quando siamo al mare in pantaloni corti ma dopo che le squadre hanno cominciato a giocare. Ho evitato quindi di cadere in questo errore. Il mercato è stato forse meno scintillante delle attese o pieno di preoccupazioni per alcuni giocatori andati via o qualche arrivo poco noto. Invece sta succedendo il contrario, con un gruppo affiatato ed un allenatore che si è integrato bene ed il risultato finale è quello che vediamo”.

Cosa può essere scattato nell’ambiente e cosa si deve evitare assolutamente?

“Fare le squadre non significa compilare un album di figurine, è un insieme di tante cose probabilmente a Firenze sta succedendo proprio questo, con tante componenti che sono andate nella direzione giusta. Mi auguro che questo incantesimo non si interrompa. Bisogna stare assolutamente attenti a non caricarli di troppe pressioni”.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Alessandro, Toscana

    Ovvio che molto sta nel manico, nessuno scommetteva su Sousa, ma per ora sta andando veramente bene…ci saranno anche cali di forma infortuni e squalifiche, con una stagione così intensa speriamo che la fortuna ci assista e che la sfiga guardi da altre parti….in ogni caso, tra spendere inutilmente vagonate di soldi e contrattare anche il centesimo, una via di mezzo ci deve essere. La società spero se ne renda conto e possa prendere, magari a poco o nulla, giocatori che servono al Mister. FVS

  2. Alessandro, Toscana

    Lucchesi ha perfettamente ragione, nulla da dire…. in effetti sembra che siano stati presi giocatori che servono alla squadra, i grandi nomi purtroppo a volte steccano, non solo da noi ovvio, per svariati motivi(ambiente, compagni allenatore a volte anche la società).
    Ciò non toglie che in squadra, come ammesso anche dalla società manchino uno o 2 elementi, non necessariamente grandi nomi,anzi!, ma comunque funzionali.
    Un Dif. e magari un Centrocampista… speriamo a Gennaio!segue….

  3. Esprimo solo un mio giudizio…e come ho gia detto x me le rose di roma Napoli inter e yuve sono qualitativamente superiori alla fiorentina…penso x esempio che con naingolan..manolas..florenzi..marchisio..ehiguain la fiorentina potrebbe iiniziare ad essere una signora squadra….

  4. Domenico, Roma

    Per FEDERICO: Allora dicci tu, sommo espertone, quali sarebbero le ‘grandi squadre’ presenti nel campionato italiano. Facci un po’ ridere.

  5. Le grandi squadre non si fanno con le fogurine ma con i grandi giocatori..o con diversi grandi giocatori..io voglio sbagliarmi e spero do farlo..ma vi siete fatti prendere in tanti da troppo entusiasmo..la fiorentina è una buona squadra..non una grande squadra..e maggio è lontano

  6. Mi piacerebbe leggere un commento su questo argomento di AceBati e di Cisko 73 sopratutto sul finale dell’articolo dove si legge che le squadre “non si fanno con le figurine “. Ovviamente non dovrebbero venire a dirci : io l’avevo detto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*