Lucchesi: “Con queste risorse la Fiorentina ha raggiunto il massimo. A suo tempo però io parlavo direttamente con Diego, senza filtri…”

Dopo averli conosciuti da ds viola, Fabrizio Lucchesi racconta i Della Valle a Radio Blu: “La Fiorentina ha raggiunto un livello massimo come standard, credo sia acclarato, poi un errore in più o in meno vuol dire un quarto o un sesto posto. Con questo tipo di risorse il terzo posto può capitare una volta ogni tanto, ma è grasso che cola per la Fiorentina di oggi. La posizione di Daniele Pradè credo sia da ammirare, ha fatto l’aziendalista ed ha difeso la sua proprietà. Bisogna capire se queste parole le ha sentite dentro lui o se gli sono state raccomandate, la verità credo che stia un po’ nel mezzo. Io ho conosciuto i Della Valle in un’epoca in cui erano agli inizi e pensavano in modo diverso: volevano mettere nella Fiorentina quello che mettevano nelle loro aziende. Non conoscevano il gioco del calcio, ho fatto molta fatica per farglielo capire attraverso anche degli errori ma avevo il vantaggio che in quel momento lì Diego Della Valle era l’unica persona con cui interloquivo. Non era un ministero come è oggi. Quando si è strutturata in termini di azienda ha costruito una gabbia, una struttura organica di responsabilità per cui a livello mediatico voi ricevete dei messaggi che sono frutto del filtro di quattro-cinque figure. Ai miei tempi il messaggio erano più diretto. Difficoltà con Diego? Abbiamo avuto molti confronti, lui accettava un dialogo costruttivo, non è stato facile fargli capire che i calciatori non sono operai. Nel frattempo è cambiato il calcio, però secondo me la Fiorentina ha raggiunto un po’ il massimo: per crescere ancora ci vogliono 100 milioni all’anno e non avendo stadio né strutture non ce li possono e vogliono mettere. Ma un discorso così, conoscendo i fiorentini, sarebbe accettato e non ci sarebbe bisogno di Pradè che parla due ore in sala stampa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti

  1. Segue: E c’è troppa presunzione. Troppi dirigenti amministrativi e poca gente che capisce di calcio e che x giunta è anche poco ascoltata dai ragionieri. Serviva 1 portiere e un centrocampista? Si prendeva Mirante e Josè Mauri dal Parma gratis. Ci manca il terzino dx e 1 centrale? Si riprendeva Piccini e si teneva Bittante e Camporese. X me gli unici acquisti azzeccati sono Kalinic e (spero) Suarez. Verdù, Gilberto e il polacco son le solite scommesse.
    Speriamo bene.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*