Questo sito contribuisce alla audience di

Lucchesi: “Fiorentina attuale come la Roma post-Sensi. Corvino permetterà ai Della Valle di mettere la società in vendita a prezzi più equi”

Fabrizio Lucchesi, ex dirigente della Fiorentina, commenta senza troppo stupore il mercato viola a TMW: “Non mi ha deluso, mi aspettavo questo mercato incentrato più sulle cessioni. Corvino ha ricevuto direttive precise: vendere e incassare per abbassare il valore patrimoniale e permettere ai Della Valle di vendere la società a cifre più basse e a un valore più equo per una cessione. La Fiorentina sta facendo mercato da squadra di metà classifica, a ridosso di chi entrerà nelle Coppe. Con la nuova proprietà si ripartirà con un nuovo ciclo, per ora sembra la Roma post-Sensi. Bisogna però fare attenzione ad abbassare troppo il livello qualitativo, Firenze è una piazza esigente. Chiesa? Mi piace tanto, è un ragazzo che si applica e parla poco, può arrivare in una grande squadra. Le due più presenti su di lui sono Juve e Napoli, potrà essere anche un punto fermo della Nazionale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

29 commenti

  1. Caro Re Leone, ma perchè devi pensare che chi non la pensa come te è infantile e testolina? magari un po’ di economia aziendale, anche quella basica da biennio delle superiori, ti aiuterebbe a mettere meglio in fila i numeri, capire che nel calcio fanno così almeno dagli anni ’70, ed essere più pronto ad ascoltare le opinioni diverse dalle tue.

  2. Sono in attesa della notizia ufficiale di avvenuta vendita della Fiorentina. Il resto è fuffa.

  3. Basta scuse. Cessione o meno, finché rimangono devono fare il massimo.

  4. “Bisogna però fare attenzione ad abbassare troppo il livello qualitativo”.
    Questo è il punto. Il livello qualitativo è precipitato da almeno tre stagioni a questa parte. La contestazione è nata da quello, nn è il contrario.
    Chi continua sostenere questa tesi farlocca, oltre a coprirsi di ridicolo, dimostra di nn amare la Fiorentina, ma solo gli interessi dei dv.

  5. Non faccio il commercialista e potrei anche sbagliare ma se non erro quando vendi una società se non erro la prima cosa vengono controllati i libri contabili degli incassi degli ultimi 3 anni e da li si fa il valore economico della società se poi la società possiede beni immobili il valore aumenta , ora la Fiorentina non possiede beni immobili l’unico valore oltre gli incassi degli ultimi anni da valutare sono i giocatori che però anche qui bisogna vedere perché sono come le azioni se fanno bene il loro valore aumenta se fanno male diminuisce , un esempio Badelj venduto nel gennaio 2016 avrebbe una valutazione di almeno 15 ml perché il suo rendimento era stato ottimo , oggi vale 6 ml vuoi anche perché è sotto svincole .

  6. Il solito discorso del Menga a parte l’errato uso della lingua italiana visto che una Fiorentina con dentro tutti quelli ceduti valeva di più ed un prezzo di vendita più alto sarebbe stato COMUNQUE EQUO. Chiunque dovesse comprare la Fiorentina sa bene che non ne può fare una società per affari ma è praticamente obbligato a portarla ad un certo livello e quindi deve investire. Cellino ha comprato e venduto già tre squadre, Cagliari, Leeds e ultimamente il Brescia e quello che ne ha fatto è cronaca: non comprerebbe mai la Fiorentina neanche se gliela regalassero perchè non potrebbe farne quello che ha fatto di Cagliari e Leeds. Ed è un discorso del Menga anche perchè la storia di Sensi è completamente diversa: lui con la Roma si è rovinato e ha perso pure le aziende di famiglia che ora sono proprietà di Unicredit. La Roma non l’ha venduta, l’ha persa. Altro che parla perchè ha la bocca.

  7. Si ma Sensi almeno aveva vinto lo scudetto ,questi non dico che dovevano ridursi così certamente,ma a vincere non ci si sono nemmeno mai provati anzi quando potevano essere vicini per cercare di farlo si sonomtirati sempre indietro ,ora non fa testo siamo al disfacimento totale ,per loro ripicche ecc ecc .

  8. Caro.Acebati,come spesso accade a chi accecato di proprie verità hai scritto un sacco di Fregnacce una su. Tutte che Montella era uno che aveva Firenze dentro, il sig Montella dopo averci fatto uscire da due semifinali disse:
    “I tifosi della Fiorentina fischiano e questo atteggiamento non ci aiuta anche perché non sono abituati a vincere ”
    MONTELLA no e lo dimostrerà quest’anno cosa ve come allenatore, come uomo ho già la mia idea.

  9. Che bravio Sibe la tua analisi e quasi perfetta anche se secondo me è un anno che si sono impermalositi ,Diego 5, e di questo si deve ringraziare un manipolo di pseudo tifosi e la politica Fiorentina.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*