Lucchesi: “I dubbi di Montella fanno pensare ad un ridimensionamento della Fiorentina”

image

Fabrizio Lucchesi, ex direttore sportivo della Fiorentina, a Radio Blu ha analizzato così la situazione dei viola con il futuro di Montella ancora in bilico: “Sarebbe strano che Pradè non rimanesse ancora alla Fiorentina vista anche la sua volontà di restare a Firenze. Secondo me la Fiorentina si sta preparando una specie di ridimensionamento, al massimo potrà essere una squadra simile a quella di quest’anno ma certamente non meglio. In Italia non ci sono squadre che possano prendere uno come Montella per questo dico che la Fiorentina sembra andare in contro ad un ridimensionamento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Stessa storia come quella con Prandelli. Appena un allenatore intravede la possibilità del salto di qualità con buoni ritocchi, la Proprietà ‘costringe’ lo stesso a guardarsi altrove

  2. Caro Lucchesi, non ti preoccupare che la Fiorentina non si ridimensiona!!!
    Montella pur di scappare ha trovato tutte le scuse possibili immaginabili per mettere tutti contro tutti così lui ne esce pulito! Se dovesse venire Di Francesco, andremo meglio. Non dimentichiamoci che Montella aveva alle spalle soltanto un anno di Catania. Invece di Francesco diversi campionati molto positivi con il Sassuolo!!! Se poi gli diamo a disposizione una rosa competitiva come la Viola vedrete che ci scorderemo di Montella presto!!!

  3. Questo è.
    Lo scorso anno di fatti il grido di battaglia era abbattere il monte ingaggi non alzare l’asticella ,
    il fatto che certi giocatori sul groppone da anni non eran tutti piazzabili e allora l’ingaggio aumenta visto che su 3 fronti nn puoi giocare com solo 13 giocatori buoni, poi alcuni si fanno male e ne devo prendere altri,
    la priorità e quindi ancora abbattere il monte ingaggi, stavolra lo si farà ma addio sogni di gloroa e a parte Savic sono già stati ceduti tutti i veri assegni circolari di queste stagioni che + che i dellavalle gli assegni li han messo Cuadrado, Lajic, Jovetic, Nastasic, ma li hanno venduti quasi tutti e allora i patron hanno i loro merito ma sopratutfo li avenao Macia Montella e i iocstori se la viola in qiesto comtesto era perfino migliora ma ora ci voleva una mano da loro e allora si fa come negli ultimi mesi con Prandelli e si ri omincia da 0 ma invece che con Macia e montella con Conigni e Rogg ed un allenatore che nn sia troppo ambizioso e dalla lungua sciolta.

    Se va via montella la vedo così perchè qualsiasi proprietà ambiziosa chi fa quello che hanno fatto Macia e montella è conterto e blinda questi e di questione tecniche fa fare solo a loro e un po a pradè je avresti dovuto fare Direttore generale cosi’ che nn era + in perenne scademza ed avevi un progett serio e funzionale x qualche anno o tanti anni.

    PECCATO

  4. Ognuno è libero di pensare quello che vuole ma conoscendo i DV non penso proprio che puntino ad un ridimensionamento ma ad un rilancio con diverse caratteristiche dal passato.Pertanto penso che ringiovaniranno e italianizzeranno l’organico senza indebolirlo tecnicamente.Per Montella questo rappresenta un rischio,non gli sta’ bene e vuole andare via ma guardate quello che è successo alla Juve e ricordate che gli allenatori passano ma la Fiorentina resta e noi tifosi con lei.Forza DV e forza Viola

  5. Non sono d’accordo io ci vedo o il Napoli tantopiu che farà il preliminare di Champions o il Milan che gli da una pacata di soldi se si libera dalla clausola, anche perché non ci racconti che i piani societari sono cambiati da un mese all’altro è che lui con la scusa di prendersela con i tifosi ha trovato la scusa non dei 10€ al ristorante da 100€, ma dei tifosi che non lo stimano

  6. ciuccialabanana

    MI sà proprio che sia così, ma allora con che spirito rifaremo abbonamenti, corse folli con orari impazziti, perdite di tempo e lavoro etc..???? Tanto vale stare a casa !!! Che delusione !!! Altro che stadio….

  7. E’ quello che in molti non riescono estrapolare dalla parole di Montella. Quando Montella dice che la società da diversi mesi sa già quello che Lui chiede per aumentare il livello competitivo del gruppo, e se dice anche che forse abbiamo raggiunto prima del previsto gli obbiettivi che si erano prefissati, dice che la società, in mancanza della certezza di poter costruire lo stadio, sarebbe intenzionata a non alzare l’ asticella tecnica della squadra.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*