Lucchesi: “Zarate si dia una calmata, la sua protesta potrebbe trasformarsi in un boomerang”

L’ex direttore generale di Fiorentina e Roma, Fabrizio Lucchesi, è intervenuto su Radio Blu e, dall’alto della sua lunga esperienza nel mondo del calcio, ha commentato anche la vicenda Zarate: “Sul comunicato fatto dalla Fiorentina non mi pronuncio – ha detto Lucchesi – però posso dire che questa protesta sui social fatta dal giocatore rischia di trasformarsi in un boomberang”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. bernardo poccioni

    Non mi meraviglio del ragionamento del sig. Lucchesi, in tempi non sospetti ebbe a dire che il suo modello era un certo sig. Moggi. Allora era d.s. della fiorentina e lo scandalo calciopoli non era scoppiato. Io scrissi che se quello era il riferimento era meglio che se ne fosse andato dalla fiorentina. Fortunatamente ciò é avvenuto, grazie anche alla vituperata proprietà dei della valle.non contano solo i risultati e qualche tifodo dovrebbe capirlo, la pulizia morale non ha prezzo. Non mi meraviglio che il ragionamento in stile pseudo mafioso sia ritornato a galla, dimostranfo anvora una volta che la mafia del palazzo é quella che decide.una cosa mi consola questi personaggi piccoli piccoli alla fine hanno ciò che meritano. Cari fiorentini smettiamola di criticare i della valle perché a firenze altrimenti arriverenno , m meritatamente , ciò che ci meritiamo. I preziosi o gli zamparini.firza ffiorentina sempre

  2. Boia de e non vedo l’ora di vedre l’arbitro di Bayer/juve e Real/roma.

  3. Ma cosa vuole questo si deve sempre stare zitti e prenderlo di dietro visto che sei tanto bravo Lucchesi spiegaci pperché ieri sera quel buffone di Gervasoni non a espulso Perisic per la stessa cosa di Zarate secondo me fai parte del sistema dei corrotti

  4. Sai dopo aver visto ieri sera come si è comportato Gervasoni con Peresic dovresti capire che ci girano un po’ i ********.
    Se poi penso che questo e lo stesso che rifilo 4 giornate a Borja è anche peggio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*