Questo sito contribuisce alla audience di

L’ultimo treno per l’Europa

L'allenatore Paulo Sousa. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Il pareggio di domenica scorsa contro il Genoa ha rovinato i piani della Fiorentina: i gigliati infatti, volevano arrivare al doppio scontro contro Roma e Milan con quattro vittorie consecutive in campionato, ma il blackout difensivo contro i rossoblu ha stravolto tutto. E allora ecco che la partita contro il Pescara assume un’importanza ancora più grande: un risultato che non sia la vittoria estrometterebbe di fatto la banda di Paulo Sousa dalla lotta per l’Europa League. Le vittorie contro Juventus e Chievo sono state fondamentali, ma l’ennesimo pareggio casalingo contro una squadra inferiore alla Fiorentina ha complicato tutto e messo alle spalle i gigliati: all’Adriatico passa l’ultimo treno per l’Europa, adesso sta ai giocatori e al tecnico decidere se provare a salirci o meno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Ultima spiaggia Pescara?.. Finché la matematica non ci condanna massima allerta fino alla 38 esima giornata.. Molti punti buttati in casa; ma anche Lazio e Milan zoppicano… Vincere l’ unico trofeo rimasto ossia l’ Europa League è prioritario per i tifosi….Ma dubito tantissimo sulla fame dei DV cui importano solo i bilanci… Voto 5 al mercato viola;…Saponara salva dal insufficenza grave… Ma visto la fragilità difensiva era legittimo aspettarsi Santon!

  2. Ma quale Europa, meglio nulla che la coppa del nonno. Sfianca i giocatori e basta. L’anno prossimo c’è da centrare la Champion e prendere i 40-50 milioni che porta, solo così si fanno le campagne acquisti vere non le mezze cartucce che va a cercare il corvo e che dopo sei mesi vengono rispedite al mittente con perdite societarie che contano. SFV

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*