L’unica nota stonata

Zarate Primo Piano

Peccato davvero per quel rosso, assolutamente evitabile, che Mauro Zarate si è beccato nel finale di partita. In un momento a dir poco caotico, in cui Mazzoleni aveva totalmente perso il controllo dell’incontro, l’argentino non ha resistito probabilmente a delle provocazioni e si è comunque messo in mostra con un gesto plateale, afferrando al collo Murillo. Un’azione che non è sfuggita al direttore di gara, pronto con il rosso diretto a cacciare dal campo l’attaccante della Fiorentina. Zarate che poi ha riconosciuto l’errore nel post partita ma che ora rischia uno stop anche pesante, forse anche le tre giornate ma tutto dipenderà poi dal referto arbitrale. Un peccato, come dicevamo, perché ancora volta nella vittoria allo scadere della Fiorentina c’era il suo zampino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Sei un grandeeeee!!!!

  2. È stato bischero ma più di una giornata non prende. Comunque vorrei sapere perché l’arbitro ha allungato la gara da 3 a 7 minuti… E l’Inter cosa si lamenta…

  3. Sicuramente non merita più di una giornata.. non ha fatto un gesto violento.

  4. Ora di sicuro gli daranno 3 giornate per fermare il giocatore più pericoloso della viola, usando la prova Tv come vogliono loro… ma non vedendo gli schiaffi che gli hanno dato prima e non punendo i giocatori dell’Inter. Piloteranno come al solito a nostro svantaggio gli arbitri, con i loro strumenti di controllo 🙁 però lui deve stare più calmo e comprendere bene che adesso è nella Fiorentina, quindi non gli passano più niente…

  5. Che asino……..

  6. Certezze cose andrebbero evitate, non abbiamo un organico tale da permetterci uomini fuori.

  7. NapoletanoVIOLA

    Scusate una domanda dal replay si vede benissimo che due giocatori dell inter lo prendonoba schiaffi dietro al collo a questo punto la fiorentina perche non chiede la prova TV?

  8. si è veramente un peccato la tua squalifica anche perchè con te in campo è tutta un’altra musica.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*