Questo sito contribuisce alla audience di

Macia: “Pezzella farà meglio di Gonzalo”

Pezzella e Caprari si contendono il pallone. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Pezzella e Gonzalo, due difensori, due argentini, due giocatori che Eduardo Macia ha conosciuto, trattato e potuto apprezzare direttamente sul campo. “È un Gonzalo giovane – dice su Pezzella a La Nazione, l’ex dirigente della Fiorentina, ora al Leicester – ma ha tutte le credenziali giuste per poter fare anche meglio. German è un professionista esemplare oltre che un ottimo difensore. Fa sempre 6-7 reti a campionato, è un difensore che segna e in questo assomiglia molto anche a Basanta. Quando arrivò al Betis eravamo tutti convinti che nel giro di due o tre anni avrebbe raggiunto la Seleccion: Firenze gli ha fatto bene”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Stefano, dimmi quale film hai visto “nuovi giocatori che potrebbero garantirci, con opportuni ritocchi anno dopo anno almeno 5 anni a buon livello” ???
    mah, quello che ho visto io in questi anni è che se questi buoni giocatori renderanno, non ci saranno ritocchi, bensì cessioni di quelli che hanno mercato per iniziare di nuovo daccapo, come la novella dello stento. Le tue parole di buon senso sono smentite dai fatti, spiacente.

  2. Me lo auguro davvero he Pezzella arrivi ad essere meglio di Gonzalo!

    Per il momento siamo partiti abbastanza bene.

  3. Bisognerebbe andarci piano coi paragoni.

  4. Tu quindi avresti preferito tenerti i giocatori dell’anno scorso che hanno reso zero per il costo che avevano. In piú con ingaggi elevati e con uno spogliatoio che non era coeso. A me sembrano barzellette. Io preferisco che si sia riaperto un ciclo con nuovi giocatori che, potenzialmente, da quello che si é visto finora (senza criticare i nuovi acquisti a prescindere come é stato fatto durante il calciomercato), possono fare meglio dei precedenti e che potrebbero garantirci, con gli opportuni ritocchi anno dopo anno, almeno 5 anni a buon livello (senza pensare a scudetti o Champions League che, a bocce normali, non sono alla nostra portata), magari con qualche bella sorpresa, come ai tempi di Prandelli.

  5. Doveva rimanere lui alla Fiorentina per arrivare in alto, ma a Firenze i DV consigliati da Cognigni ,non interessava un’ottimo DS,molto valido anche Pradè,ma un liquidatore e cosi hanno fatto ,con buona pace della qualità del fattore tecnico delle ambizioni e della passione dei tifosi .

  6. Sinceramente che questo fosse un giocatore vero si sapeva. Costa 10 milioni se lo riscatti, del resto. Così come acquisti veri sono Simeone (18) Milenkovic (4-5 ma va considerata l’età..), Lo Faso (forse il miglior talento italiano giovane). Poi ci sono i possibili colpi: Veretout pare che lo sia. Magari anche Gil Diaz, se si irrobustisce un po’ (ha comunque un riscatto elevato). Pare che tra i giovani si sia preso anche un bulgaro bravo. Rimangono i dubbi Eyesseric, Zhelkini, Gaspar, Hugo,…. Meglio comunque dell’anno scorso quando non se n’è azzeccata una. E si sono spesi 20 milioni. In realtà l’unico acquisto buono erano stati Castrovilli e Scalera ma il secondo abbiamo pensato bene di lasciarlo andare per puntiglio. Abbiamo comunque giovani forti, ricordiamolo. In tutti i ruoli. A destra perso Scalera c’è comunque Venuti. Corvino: voto 2 lo scorso anno, 6 e mezzo per ora questo. Se esplodessero un paio delle scommesse fatte il voto sale.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*