MALINCONICO EPILOGO

Rossi Panchina Empoli

E così pare proprio che tra Giuseppe Rossi e la Fiorentina si vada verso la separazione, almeno per quanto riguarda questa stagione. Le prospettive però dell’accordo, che si vocifera vicino, tra Fiorentina, Levante e Villareal suggeriscono una partenza definitiva con direzione Spagna. La terra che lo fece esplodere definitivamente: dopo il prestito al Levante infatti, Pepito dovrebbe essere riscattato dal sottomarino giallo. Tempo di bilanci insomma: tre anni a Firenze, di cui due buoni trascorsi purtroppo a recuperare da infortuni, e due mezze stagioni totalmente agli antipodi. Da fenomeno, o meglio da Giuseppe Rossi, tra settembre 2013 e gennaio 2014; ad arrancare tra campo e panchine negli ultimi sei mesi, con sempre l’obiettivo Nazionale fisso in testa. Difficile dare torto ad uno che a quasi 29 anni non ha ancora mai disputato una grande manifestazione con la maglia azzurra. Di lui resterà indelebile il ricordo della Partita (con la p maiuscola) contro la Juve, così come il grande affetto dei tifosi viola, testimoniato in più modi, che non verrà comunque cancellato da un epilogo che va formandosi con molta malinconia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

31 commenti

  1. Due anni infortunato e pagato profumatamente e ora la sua priorità è riconquistare la nazionale, ma chi se ne frega di Pepito, che se ne vada e non torni piú! Si è comportato come tutti i suoi colleghi, da mercenario.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*