Mancini: “La sconfitta con la Fiorentina? In certe partite non capisci neanche cosa sia successo. Se vai sotto 2-0 dopo 8 minuti con un rigore e un tiro in porta…”

Mancini Inter Verona

L’allenatore dell’Inter, Roberto Mancini, su Inter Channel è ritornato a parlare della sconfitta in campionato subita contro la Fiorentina: “In certe partite non capisci neanche cosa sia successo, perdere 4-1 in quel modo può capitare. Se vai sotto 2-0 dopo 8 minuti con un rigore e un tiro in porta, poi l’espulsione… Nella ripresa però la squadra ci ha messo grinta sapendo che la partita era ormai persa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Ma questo era con Grignani prima di fare queste analisi? Tiri in porta? Rigori ? Guarda un po, le stesse cose che accadono quando giochi a calcio.

  2. Se otto minuti ti sembran pochi …..

  3. Caro Ciuffettino fattene una ragione è successo davvero,quei 4 PIPPOLI sono veri e Kalinic ve ne ha fatti 3 …tanto per ricordatelo.

  4. Il solito buffone!!! Ridicolo!!!

  5. Mancini ti accorgerai quando il tuo padrone non avrà più i soldi come Moratti che fine farai tu. Dato che ti rode ancora la sconfitta con la Fiorentina, i punti rubati al Carpi te li sei dimenticati e le misere vittorie per 1 a 0 non ti fanno pensare e mi fermo qui con te è tempo perso

  6. Ancora!!!!! È passato un girone e questo spocchioso e arrogante personaggio non ha ancora digerito il poker!!! Pensare che fino allo scudetto di Manchester ero un ammiratore di quello che a tirto ritenevo un ottimo allenatore e una bella persona ma poi ho capito che è solo un lamentone buono solo a far spendere montagne di denaro ai suoi presidenti vincendo il minimo. Se ne sono accorti anche gli sceicchi i quali con i fondi messigli a disposizione e co un allenatore vero a disposizione avrebbero vinto a mani basse. Voglio vedere cosa succederà se il nostro prode condottiero non dovesse vincere il campionato o almeno arrivare secondo,cosa possibilissima visto Napoli gli innominabili e perchè no anche noi e la Roma.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*