Questo sito contribuisce alla audience di

Mancini: “Ringrazio la Fiorentina per i dieci anni che mi hanno fatto crescere. Ero preoccupato da Chiesa”

Per Gianluca Mancini è arrivato anche il giorno dell’esordio in A. Dopo tante stagioni passate nel settore giovanile viola, è stata però l’Atalanta a dargli questa soddisfazione: “Sono contento per la squadra – ha detto Mancini – Poi c’è la felicità di esordire in A, oltre tutto a Firenze, dove ho giocato per dieci anni nel settore giovanile. Ringrazio l’Atalanta per la fiducia che mi ha dato. Chiesa sta facendo cose grandissime, ero preoccupato dalla sua condizione. Non saprei dire cosa non è andato con la Fiorentina. Ringrazio comunque la società perché dieci anni nella stessa squadra ti fanno crescere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Alessandro, Toscana

    Gabriel, Mancini è stato regalato ( si, REGALATO!!!) dal corvo alla ternana (nella quale era in prestito!) la sua prima estate, dopo meno di 3/4 giorni è arrivata l’Atalanta (che di giovani notoriamente non ci capisce, vero? è ironico…) e se lo è preso subito!
    Forse il corvo con i giovani italiani non riesce a farci il lesso per se?

  2. Un altro giovane del nostro vivaio, in pratica regalato, che gioca in serie A……Mistero…..

  3. ….no dai….era nostro Mancini? …ma i prestiti a cosa servono?…vabè…

  4. Prego caro prego …

  5. Già SANDRA, Mancini non sarà un fenomeno ma gioca in Serie A e averlo dato via ci è costato OTTO milioni più stipendi per cinque anni, quelli di Hugo che ora riscalda la panchina. Per mettersi seduto Mancini bastava ed avanzava.

  6. A me è sembrato un ragazzo molto interessante, forse la spiegazione è una sola, il mago di vernole con i giovani italiani non …….., invece maxi olivera e gaspar costano quasi 10 milioni in 2. Ma di cosa si ragiona via!!

  7. Misteri Corviniani!…….nel primo mistero gaudioso si contemplava San Pantalillo che con il ….. a spillo (credeva di) ………. i microbi……….

  8. un’altra pianticella rasa al suolo senza una spiegazione…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*