Marcello Mancini: “Badelj è il più indispensabile di tutti. Spero che con Sousa parli direttamente Diego Della Valle”

Badelj Cagliari

A Lady Radio il giornalista Marcello Mancini parla di tre uomini chiave come Badelj, Alonso e Ilicic: “Su tutti Badelj perché da quando non c’è l’equilibrio del centrocampo si è un po’ sgretolato. Ilicic non lo vedo indispensabile a quel livello, anche se quando fa l’Ilicic è sicuramente decisivo. Unisce l’estemporaneità vincente con l’abulia che a volte fa innervosire. In seconda battuta dico Alonso perché da quando si è infortunato, con la ripesa un po’ difficoltosa e la questione del rinnovo del contratto, non ha più fatto vedere le prestazioni di inizio anno. Tornando a Badelj, la sua presenza permette anche il rendimento migliore da parte di Borja Valero, che torna così nella sua posizione; a me ricorda un po’ De Sisti, con la dote di farsi trovare sempre nel posto giusto al momento giusto. Incontro Sousa-Cognigni? Io spero che prima o poi si muova anche Diego per poter fare chiarezza, all’interno dello spogliatoio innanzitutto, e poi anche nella città: abbiamo sempre detto che un suo intervento sarebbe chiarificatore per tutti i punti interrogativi che ci sono. Cognigni è il braccio di Diego ma la presenza del patron è molto più importante. Sousa è il primo, ancor più dei tifosi, ad essere deluso; da parte sua c’è imbarazzo per il comportamento della società. Ci sono tanti segnali che hanno sottolineato questa situazione destabilizzante. Se la Fiorentina dovesse trovarsi allo sprint finale con pochi punti di distacco da Inter, Milan o Roma spero che la figura del Presidente del Consiglio, perché anche questo è importante, possa fungere da contro sudditanza psicologica rispetto a quella che conosciamo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Il “Presidente del Consiglio” c’entra proprio come il cavolo a merenda!!!!! I’ Bomba di Rignanno,che mille ne pensa ma che nemneno una fa, lasciamolo a far danni altrove.

  2. Quella sul Presidente del Consiglio se la poteva risparmiare. Velo pietoso. Non vorrei mai avere a che fare co i’bomba di Rignano, per nessuna cosa

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*