Questo sito contribuisce alla audience di

Marcolin: “Fiorentina finale meritata. Ecco perché Neto non giocava con noi”

Dario Marcolin a Radio Fiesole: “E’ stata una partita sofferta per la Fiorentina che ha giocato una buonissima gara soprattutto difensiva. Per i viola è meglio incontrare il Napoli anche per il solo fatto che la Roma giocherebbe in casa. Sono curioso di vedere la partita di stasera perché a Napoli il San Paolo ti spinge in partite come questa. La Fiorentina arriva in finale meritatamente dopo tanti anni. Neto? Sono molto felice per lui. E’ un portiere forte gli mancava solo il ritmo partita anche dal punto di vista morale. Sta prendendo fiducia partita dopo partita. Ha convinto prima Montella e poi i compagni. E’ un portiere completo sia in uscita sia tra i pali, aveva solo bisogno di sicurezza, e la sta trovando. Neto è veramente un professionista molto serio, il primo ad arrivare agli allenamenti e l’ultimo ad andarsene. Adesso le sue qualità stanno emergendo sul campo. La sua personalità gli ha permesso di fare queste prestazioni. Per la Fiorentina in campionato sarà determinante il recupero di Mario Gomez e se dovesse tornare anche Rossi, i viola possono fare la corsa sul Napoli per il terzo posto. In Europa League dipende sempre da come arrivi in quel momento dunque i valori in campo possono variare ed è difficile fare un pronostico. Pasqual? È un giocatore che tutti vorrebbero sia in campo che fuori, ha avuto i suoi alti e bassi ma negli ultimi anni si è consacrato ad alti livelli. È un giocatore che fa una mole di lavoro sulla fascia incredibile. Vargas? Mi stupisce come abbia capovolto la sua situazione. Ha un’umiltà diversa rispetto a quando c’eravamo noi. È un valore aggiunto che può dare tanto alla Fiorentina”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA